Chernobyl dopo 30 anni e l’accoglienza… continua

Serata di presentazione del Libro Fotografico con testimonianza personale e fotografica dell'autore Gabriele Vanetti sulla situazione di Chernobyl a più di 30 anni dal disastro nucleare

Nuovo impegno del Comitato accoglienza bambini di Chernobyl odv: la realizzazione di una serie di 4 incontri dell'evento dal titolo: "l'eco di chernobyl: il reportage fotografico e progetto: 2020 …l'accoglienza continua".

Le serate si terranno, a ingresso libero e alle ore 20,30 nelle seguenti date:
giovedì 9 gennaio a San Vittore olona in oratorio
venerdì 10 gennaio a Canegrate – polo culturale catarabia
martedì 14 gennaio a Rescaldina – presso "La tela" osteria de  buon essere.
venerdì 17 gennaio  a Cerro Maggiore in biblioteca "Oriana Fallaci"

Serate “L'Eco di Chernobyl”.

La serata di presentazione del Libro Fotografico sarà accompagnata dalla testimonianza personale e fotografica dell'autore Gabriele Vanetti sulla situazione di Chernobyl a più di 30 anni dal disastro nucleare. «Il 26 aprile 1986, alle ore 1:23 circa, avvenne uno dei disastri più importanti che ha colpito l'umanità; lo scoppio della centrale nucleare di Chernobyl – racconta Gabriele Vanetti, fotografo di Arcisate – A 30 anni di distanza dal disastro, con la maschera sul volto per filtrare l'aria, il contatore di radiazioni sempre in tasca e l'autorizzazione del Governo, ho voluto vedere con i miei occhi questi luoghi per raccontare e riportare alla luce luoghi spettrali e inospitali dove alcune persone cercano di dare un senso alla loro vita che continua" e cercano "di riparare l'irreparabile”. Il mio lavoro racconta e documenta lo stato attuale della zona di esclusione, della centrale nucleare di Chernobyl, della spettrale città di Pripyat, ma sopratutto racconta la storia di diversi uomini e donne che sono tornati a vivere nelle loro 'vecchie' case e che da anni vivono da soli in villaggi completamente abbandonati, al punto che non hanno neanche l'acqua corrente e bevono dai pozzi contaminati dalle radiazioni».

IL PROGETTO: "2020…l'accoglienza continua"
Durante la serata l'Associazione, presieduta da Marita Maggioni, presenterà il progetto. I bambini e i ragazzi di Chernobyl cercano famiglia per una 'Vacanza Terapeutica'.Attraverso filmati, testimonianze, motivazioni, si vuole condividere la grande importanza che, ancora oggi, ha il proseguire l'accoglienza dei bambini di Chernobyl a livello sanitario, terapeutico, affettivo, di solidarietà e volontariato attivo; con un caloroso invito rivolto alle famiglie che vorranno dare la loro disponibilità a farsi coinvolgere in un'esperienza destinata a dare “una speranza di vita in più" ai bambini e i ragazzi ospitati tra di noi.

 

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 06 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore