Quantcast

“La gestione comune dei beni pubblici”

Domani, 10 gennaio, alle 10.30 nella Sala degli Affreschi di Palazzo Isimbardi in via Vivaio1 a Milano, si terrà l’incontro “La gestione comune dei beni pubblici”.

Domani, 10 gennaio, alle 10.30 nella Sala degli Affreschi di Palazzo Isimbardi in via Vivaio1 a Milano, si terrà l’incontro “La gestione comune dei beni pubblici”, il quinto appuntamento del ciclo “Investire in rigenerazione. Opportunità e strumenti”, una serie di iniziative formative e informative con cui la Città metropolitana di Milano intende promuovere azioni concrete di rigenerazione urbana e territoriale.

In questo incontro, organizzato in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano, verrà trattato in particolar modo il connubio che la cittadinanza attiva
e la pubblica amministrazione stringono nella cura di beni comuni attraverso una visione di sussidiarietà orizzontale e verticale.

Verranno inoltre illustrate le esperienze di patti di collaborazione ritenuti virtuosi nella realtà metropolitana, come quella del Comune di Arese – che negli anni ha condotto con successo le attività legate alla gestione dei beni comuni – e le diverse pratiche del comune di Milano; si proporrà l’idea di co-cities elaborata da LabGov come modello di città in cui si è innescata una vasta maglia di patti di collaborazione e l’interessante esperienza delle reti regionali già attive.

Seguendo l’esperienza di Labsus – laboratorio per la sussidiarietà, la Città Metropolitana intende adottare il "Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazioni per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa dei beni comuni urbani" introducendo al tema i Comuni del proprio territorio, aprendo così la possibilità della gestione di aree per la promozione di attività da parte della popolazione stessa.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore