Quantcast

Cineforum Marco Pensotti Bruni: Rosso come il cielo

Marrtedì 23 febbraio, Sala Ratti di Legnano - Ingresso libero - In collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti...  

Serata organizzata con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Legnano, evento per celebrare la Giornata nazionale della lettura e scrittura Braille, istituita con la legge 3 agosto 2007, n.126, con la finalità di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti delle persone non vedenti, e che ricorre il 21 febbraio di ogni anno. La proposta è la felice continuazione di una iniziativa che da alcuni anni il Cineforum Marco Pensotti Bruni organizza con la sezione legnanese dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, il patrocinio del Comune di Legnano e l’ospitale disponibilità della Sala Cinema Ratti.

L’anno scorso, per l’occasione, è stato proiettato il documentario Un albero indiano del regista Silvio Soldini. Quest’anno il film proposto è Rosso come il cielo del 47enne regista Cristiano Bortone.

Tratto da una storia vera, il riferimento è a Mirco Mencacci, oggi uno dei più riconosciuti montatori del suono del cinema italiano,  il film racconta la storia di Mirco, un bambino toscano che nel 1971, a 10 anni, è diventato cieco in seguito ad un incidente con il fucile da caccia del padre. Menomato della vista dovrà proseguire gli studi in un collegio per non vedenti  a Genova, lontano da casa e dalla famiglia.

La separazione dalla famiglia, la menomazione, la cecità delle istituzioni scolastiche (in quegli anni la legge italiana considerava i non vedenti come individui senza speranza e ancora non permettava loro di frequentare la scuola pubblica), l’ostinata lotta di Mirco per riconquistare la propria dignità e dimostrare il proprio talento, la solidarietà della famiglia e degli amici assieme alle rivendicazioni sociali degli operai di Genova sono i temi messi in scena nel film.

Mettendo sullo schermo i ricordi di chi ha vissuto questa condizione in prima persona, il film racconta questa sfida eccezionale e ci porta a scoprire le emozioni, gli stati d’animo di un mondo poco conosciuto dalla maggioranza di noi.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore