“Bonus di 600 euro”, apre lo sportello telematico della CGIL

Secondo una prima previsione saranno circa un miliaio i consulenti aziendali dell'Alto Milanese 

Apre lo sportello telematico della CGIL Ticino Olona per supportare i lavoratori con partita IVA ed i collaboratori in collaborazione o a progetto nella richiesta del "bonus di 600 euro" previsto dal decreto "Cura Italia". Secondo una prima previsione saranno circa un migliaio i consulenti aziendali dell'Alto Milanese che chiederanno aiuto ai sindacati, mentre i lavoratori con contratti di collaborazione saranno qualche centinaia di cittadini soprattutto impiegati nei call center e nel pubblico impiego. 

[pubblicita]Il Patronato INCA della CGIL in collaborazione con le categoria SLC e NIdiL CGIL ha deciso di promuovere questo specifico servizio raccogliendo telematicamente  i documenti necessari per trasmettere all'INPS le domande di bonus. Per questo è stata attivata un'apposita mail: covid19.legnano@inca.it a cui potranno scrivere tutti i lavoratori interessati. L'attività di supporto sarà anche l'occasione per delineare la situazione in cui vivono i liberi professionisti e quali sono le figure con partita iva che in realtà potrebbero avere un contratto. Un'analisi, quest'ultima che sarà utile nell'avviare il sindacato per i lavoratori con partita iva.

«Questo provvedimento rappresenta l'unico ammortizzatore sociale per questi lavoratori, privi della cassa integrazione e di altre forme di tutela – precisano i sindacalisti –. I lavoratori con partita IVA o i collaboratori sono quindi tra le categorie più esposte in questo momento, privi del lavoro, anche perché molti sono impegnati in attività per le quali il Governo ha previsto la chiusura, e di tutele. Ci riferiamo quindi al mondo delle professioni, delle consulenze e dei servizi alle imprese, attività svolte molto spesso da professionisti con partita IVA ed al mondo delle collaborazioni, ancora molto presenti nel settore dei call center senza dimenticare i lavoratori delle arti e dello spettacolo».

Nei prossimi giorni la CGIL Ticino Olona svilupperà un servizio apposito anche per i lavoratori del settore dello sport che, oltre ad essere tra i più colpiti dalla crisi del coronavirus, sono una tra le realtà meno tutelate ma per i quali si stanno comunque adottando importanti provvedimenti specifici. 

L’obiettivo del sindacato in queste settimane di emergenza è quello di non lasciare solo nessuno, infatti oltre alla presenza delle categorie, il patronato INCA ha garantito l’apertura dell’ufficio definendo modalità di accesso telematico ai servizi (tramite mail) e consulenze telefoniche al numero 0331/488011, privilegiando le situazioni di urgenza. Inoltre sul sito ww.cgillegnano.it  è possibile trovare tutti documenti utili per presentare le pratiche. 


RIEPILOGO CONTATTI CGIL TICINO OLONA:
Contattateci alla mail covid19.legnano@inca.it lasciando il vostro numero
oppure chiamateci al numero di telefono 0331488011
per parlare con il Caaf Cgil utilizzate il numero verde 800990730

di gea.somazzi@gmail.com
Pubblicato il 02 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore