Roveda Assicurazioni: infortunio a scuola, che fare?

Se il bambino subisce un infortunio a scuola, sappiamo come comportarci?

Manca poco all’inizio del nuovo anno scolastico.

Ma se il bambino subisce un infortunio a scuola, sappiamo come comportarci?
Di primo impatto, ognuno di noi è portato a individuare nella scuola e nella figura dell’insegnante la responsabilità di un infortunio del bambino o studente.

Ma è sempre così? Quando si può chiedere un risarcimento?

Infortunio a scuola: quando spetta il risarcimento

Indubbiamente, la scuola e gli insegnanti hanno nei confronti degli alunni un obbligo di custodia e vigilanza sulla loro sicurezza e incolumità. Questo non significa che non vi siano mai incidenti: può sempre accadere che uno studente cade, si ferisce o riporti altri traumi.

Per pretendere un risarcimento, però, è necessario che sia effettivamente dimostrabile che l’incidente sia avvenuto durante l’orario scolastico e per causa o colpa dell’istituto, ovvero per un difetto di condotta di quest’ultimo che poteva e doveva impedire l’evento.
Naturalmente, la scuola ha sempre la possibilità di dichiararsi non responsabile se è in grado di dimostrare che il fatto è avvenuto indipendentemente dalla vigilanza dovuta e operata e in circostanze tali da renderlo assolutamente imprevedibile e inevitabile.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 10 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore