Quantcast

Rifiuti edili abbandonati nei boschi di Cerro Maggiore, “furbetto” sanzionato dalla Polizia Locale

Per l'ecovandalo "pizzicato" dalla Polizia Locale è scattata una multa da 600 euro e una sanzione accessoria che l'ha costretto a ripulire l'area a sue spese

polizia locale cerro maggiore

Seicento euro di multa per l’ennesimo “furbetto” che anziché procedere allo smaltimento dei rifiuti edili di cui doveva disfarsi ha deciso di abbandonare un metro quadro di piastrelle, calcinacci e quant’altro in una zona isolata nei boschi di Cerro Maggiore. Per l’ecovandalo è scattata anche una sanzione accessoria che l’ha costretto a ripulire l’area a sue spese, ma non quella penale dal momento che non è titolare di partita IVA.

«Come preannunciato qualche mese fa, dopo il completamento dei vari atti inerenti la video-sorveglianza e il riavvio delle procedure per i nuovi varchi, la nostra Polizia Locale ha dato corso ad una serie di procedure con il fine ultimo di un maggior controllo del territorio e delle zone boschive rispetto alle degradanti pratiche degli scarichi abusivi di rifiuti – spiega il sindaco, Nuccia Berra -. Ovviamente queste operazioni possono dare risultati nel medio periodo, riconducendo alla legalità i cittadini poco attenti alle regole, e soprattutto disincentivando le pratiche dolose di abbandono seriale. Con soddisfazione abbiamo già avuto i primi risultati positivi e una buona collaborazione anche dai cittadini».

I controlli, sul cui protocollo operativo da Palazzo Dell’Acqua al momento mantengono il massimo riserbo, continueranno anche in futuro e prenderanno di mira location sempre diverse. «Il nostro scopo è quello di diminuire queste pratiche irregolari e dannose, sia per i conti pubblici che per l’ambiente boschivo – sottolinea l’assessore alla sicurezza Alessandro Provini -. Questa operazione non è la prima che ha dato risultati, ma è sicuramente la più importante per quantità scaricate e per l’ammontare della sanzione. Ripulire gli scarichi abusivi costa al comune migliaia di euro ogni volta, quindi tutte queste operazioni sono ben lontane dal “far cassa” come qualcuno vuol far credere sui social, ma sono mirate a ripristinare quella legalità che in certe persone sono venute a mancare o non sono mai esistite».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 15 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Avatar
    Scritto da Stefano Giannini

    600 euro di multa è troppo poco, almeno 1000

Segnala Errore