Quantcast

Vita da canile ai tempi del virus: “Niente boom di abbandoni, ma servono aiuti”

Il canile e il gattile di via don Milani non hanno avuto un aumenti negli ingressi, ma l'impatto della chiusura al pubblico e del contingentamento dei volontari si fa sentire RSA CERRO MAGGIORE, SOLO IL "GINETTA COLOMBO" SENZA VIRUS RSA ACCORSI: E' DECEDUTO L'OSPITE CHE AVEVA SETE BUSTO GAROLFO: NESSUN CONTAGIO ALLA RSA S.REMIGIO

Quando qualche settimana fa i cancelli del canile e del gattile di via don Milani hanno chiuso i battenti per i visitatori, anche per la Protezione Animali di Legnano come per tutta la città è iniziata una nuova vita, e convivere con la nuova realtà dettata dall'emergenza sanitaria non è sempre facile nemmeno per gli amici a quattro zampe.

[pubblicita]Soprattutto perchè, anche se «l'Alto Milanese ha risposto positivamente agli inviti della comunità scientifica e non ci sono stati aumenti negli ingressi», come spiega la presidente della PAL Legnano, Maria Antonella Legnani, l'impatto della chiusura al pubblico si è sentito eccome per la struttura. «Quando abbiamo chiuso al pubblico l'ingresso al canile, abbiamo chiuso anche agli affidi e alle persone che venivano ad aiutarci la domenica – sottolinea Legnani –: il loro aiuto per noi era una manna e la chiusura è stata dolorosa e ci ha penalizzato molto. Abbiamo lanciato una campagna di aiuto e in molti ci stanno sostenendo sia con offerte tramite bonifico, sia, soprattutto per quanto riguarda il gattile, con raccolte alimentari: chi ci vuole dare una mano fa la spesa e ce la invia direttamente attraverso un corriere. Abbiamo dovuto ridurre all'osso anche la presenza dei volontari che al sabato e alla domenica subentrano ai dipendenti occupandosi degli animali, delle pulizie e delle terapie da somministrare».

Un passo alla volta, anche la Protezione Animali di Legnano cerca di tornare ad una "nuova normalità". «Nell'ultima settimana abbiamo provato a ricominciare a muoverci per gli affidi tramite appuntamento per evitare il rischio di assembramenti, anche perchè abbiamo necessità di liberare qualche gabbia nell'eventualità che fosse necessario accogliere cani accalappiati dall'ATS – sottolinea la presidente –. Naturalmente chi viene al canile deve indossare guanti e mascherina e rispettare il distanziamento sociale. Stiamo anche studiando un modo per poter riaprire contingentando gli ingressi per non creare assembramenti. Per la festa della mamma, poi, abbiamo lanciato una campagna di adozioni a distanza: compilando un modulo ed effettuando un versamente si può scegliere dal sito di prendersi cura di uno dei nostri ospiti adottandolo a distanza, e viene inviato un attestato realizzato appositamente per la festa della mamma. In un periodo in cui non si può uscire per comprare regali può essere un'idea, magari anche per i più piccoli, e per noi è un grande aiuto».

Anche perchè la corsa del virus non ha cancellato le necessità della struttura di via don Milani: «Per chi volesse aiutarci – conclude la presidente –, in questo momento abbiamo bisogno di cibo umido per i cagnolini più anziani, di detersivi per le pulizie e per i piatti, di sacchi per la spazzatura e di guanti. A breve, se il trend rimarrà quello dello scorso anni, saremo "affollati" di gattini, quindi servirà cibo morbido per i cuccioli. Siamo anche a corto di coperte, lenzuola e asciugamani: se qualcuno volesse ripulire gli armadi e avesse materiale in buono stato, può citofonare e lasciarlo all'ingresso del canile se si trova a passare di qui per qualsiasi motivo».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 28 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore