Il contagio nel Legnanese “raccontato” dai sindaci

Legnano sale a 173 casi - Oltre ai casi positivi da segnalare le persone in isolamento sul territorio: oltre 100 a Castellanza e 50 a Parabiago VILLA CORTESE: MA QUANTA SPESA SI FA IN PAESE?   COVID-19: UNA TEMPESTA FURIOSA CHE CAMBIERA' IL MONDO NUOVI DPI PER FONDAZIONE DON GNOCCHI E ATS TERRITORIALI

Contagio avanti sempre adagio a Legnano. Il tabulato della Regione indica due nuovi casi ufficiali che portano il totale a 173, impossibile però conoscere i dettagli delle persone dimesse, guarite, decedute, come invece avviene in diversi comuni della zona,

"Dopo qualche giorno in cui sembrava che il contagio a San Vittore Olona si fosse fermato, devo informarvi che questa mattina ho ricevuto il nuovo report da ATS che segnala un aumento significativo dei casi di contagio. Siamo, purtroppo, arrivati a 38 persone risultate positive al COVID 19 e altrettante in quarantena da contatto", l'ultimo aggiornamento del sindaco Daniela Rossi, che prosegue così:"La nostra Polizia locale, da sempre sul territorio per garantire che le norme siano rispettate, da questo momento sarà ancor più rigida nel far osservare il decreto che impone di uscire di casa solo per motivi di salute, di lavoro giustificato o di estrema necessità, es. la spesa. In caso contrario, come sapete, saremo soggetti a sanzioni economiche".

[pubblicita]A Cerro Maggiore, ha reso noto il sindaco Nuccia Berra, sono 25 i casi accertati dal tampone che, insieme ad altri segnalati dai medici di famiglia, portano il numero complessivo a circa 40. Diversi ricoverati negli ospedali hanno fatto rientro casa e stanno meglio. 

Il sindaco di Rescaldina, Gilles Ielo nella comunicazione circostanza alcune situazioni: "I casi certi risultano 20 di cui tre decessiPer correttezza d' informazione segnalo come invece sul portale di ATS risultano ben 31 casi, ciò a fronte di inserimenti manuali fatti dai medici di base i quali, a mio avviso correttamente, hanno inserito tutti i cittadini con sintomi che riceveranno dunque il controllo domiciliare da parte degli agenti della Polizia Locale e risultano a tutti gli effetti in isolamento coattivo, anziché fiduciario, come per i "contatti stretti". Sono circa 100 i cittadini contattati dai Servizi Sociali per assicurare loro l'adeguato supporto e sostegno e a cui auguriamo di superare, quanto prima, questo difficile momento".

A Parabiago, il sindaco Raffaele Cucchi segnala 52 casi, tra cui 5 decessi. La situazione nelle due case di riposo registra una situazione stabile. Alla Casa del nonno, oggi, sono venuti pronti i nuovi tre nuclei per mettere a disposizione della Direzione Sanitaria spazi al Centro Diurno Integrato volti a favorire un maggior distanziamento sociale degli ospiti. Nella mattinata di domani si procederà alla sanificazione straordinaria. Proprio per l'emergenza, è stato lanciato un appello per reclutare operatori a vario livello.

Sono 39 i casi a Nerviano, come informa il sindaco Massimo Cozzi. In questi ultimi giorni, sono stati rilevati tre nuovi contagiati, due persone di media età e una anziana. C'è stato anche il decesso di un 86enne, tra i casi noti alle autorità sanitarie.

Salgono a 14 i casi a San Giorgio su Legnano, indicati da sindaco Walter Cecchin. Di questi, sei cittadini sono ricoverati in ospedale, cinque sono stati dimessi dall'ospedale o hanno terminato la quarantena a casa e si sono ripresi e tre, purtroppo, non ce l'hanno fatta. Sono 30, invece, i cittadini che hanno terminato la quarantena senza problemi particolari, mentre 12 sono ancora in isolamento obbligatorio al domicilio.

"Salgono a 28 i casi accertati di positività al Covid-19 – scrive Susanna Biondi, sindaco di Busto Garolfo – . Tra di loro 19 sono a casa, stanno tutti abbastanza bene e alcuni attendono di fare in questa settimana il tampone per accertare la guarigione. Tra i ricoverati ci sono generalmente progressi e due di loro dovrebbero essere prossimi alle dimissioni".

Mirella Cerini, sindaco di Castellanza, aggiorna così la situazione locale: " 36 i cittadini ospedalizzati di cui 5 dimessi, 103 le persone in isolamento, 5 i deceduti".

Infine, a Villa Cortese, il sindaco Alessandro Barlocco traccia questo quadro. In totale, le persone contagiate sono 12 tra quelle ricoverate in ospedale e quelle in cura a casa (perché già dimessi o sempre stati a domicilio). Risultano attualmente ancora 15 persone in isolamento. Quattro quelle decedute.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 07 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore