Quantcast

Buoni spesa, ecco le risorse comune per comune nel Legnanese e nel Rhodense

L'ordinanza della Protezione Civile assegna poco più di 900 mila euro al Legnanese e oltre un milione di euro al Rhodense

400 milioni di euro ai Comuni italiani per distribuire buoni spesa o direttamente generi alimentari e prodotti di prima necessità a chi è più esposto agli effetti economici dell'emergenza sanitaria legata alla corsa del coronavirus e a chi si trova in stato di bisogno. É una prima boccata di ossigeno per chi sta vivendo più duramente sulla propria pelle i risvolti di una crisi che ormai non è più solo sanitaria, ma anche economica, quella che arriva dall'ordinanza della protezione civile del 29 marzo.

Sono due i parametri in base ai quali la cifra verrà distribuita tra i comuni italiani: l'80% della somma (320 milioni di euro) verrà suddiviso tra gli enti locali in base alla popolazione residente, mentre l'altro 20% (80milioni di euro) verrà ripartito «in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun comune e il valore medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione». In sostanza, quindi, un quinto dell'importo stanziato servirà a supportare i comuni dove la povertà si fa sentire di più. L'importo assegnato ad ogni Comune non potrà essere in nessun caso inferiore a 600 euro.

[pubblicita]Una volta che i fondi, entro martedì 31 marzo, saranno arrivati nelle casse comunali, spetterà ai servizi sociali individuare i beneficiari. Ogni Comune, peraltro, potrà decidere di destinare alla misure di solidarietà alimentare anche eventuali donazioni.

In totale ammontano a poco più di 900mila euro i fondi che l'ordinanza assegna al Legnanese, dove la cifra più alta andrà a Legnano, che riceverà 320.643,90 euro. Il provvedimento assegna 73.644,03 euro a Busto Garolfo, 67.218,53 euro a Canegrate, 80.779,93 euro a Cerro Maggiore, 34.147,37 euro a Dairago, 147.516,02 euro a Parabiago, 75.340,53 euro a Rescaldina, 35.610,61 euro a San Giorgio su Legnano, 44.119,62 a San Vittore Olona e 32.541 euro a Villa Cortese.

Supera il milione di euro, invece, la cifra destinata al Rhodense, dove l'importo più alto viene assegnato a Rho, che riceverà 268.269,74 euro. Secondo l'ordinanza, spettereanno 103.353,99 euro ad Arese, 86.084,94 euro a Baranzate, 193.846,39 euro a Bollate, 137.596,79 euro a Lainate, 90.768,08 euro a Nerviano, 60.533,26 euro a Pero, 44.490,73 euro a Pogliano Milanese, 39.099,03 euro a Pregnana Milanese e 49.002,36 euro a Vanzago.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore