Licenziamenti Tosi: l’assessore regionale Rizzoli chiede un incontro al Mise

In difesa dei lavoratori della Franco Tosi è scesa in campo anche l’assessore regionale Melania Rizzoli

In difesa dei lavoratori della Franco Tosi è scesa in campo anche l’assessore regionale Melania Rizzoli che ha richiesto con urgenza nuova convocazione al Mise. La posizione adottata dagli impreditori brianzoli che, dopo aver acquisito l'area in piazza Monumento, intendono licenziare 47 lavoratori su 177, non è vista di buon occhio al Pirellone. 

[pubblicita]          È indirizzata al ministro Stefano Patuanelli la comunicazione, datata 5 dicembre, redatta da Rizzoli. Le richieste sono chiare: «Dopo lunghe vicissitudini Presezzi ha acquisito anche parte delle aree su cui sorgeva lo storico stabilimento a Legnano – introduce l'assessore regionale Istruzione, Formazione e Lavoro –, ma la complessa situazione immobiliare e la differente valutazione tra amministrazione straordinaria e imprenditore sul valore delle aree ha impedito l'acquisizione di una superficie sufficiente a garantire il lavoro per tutti. Da ciò deriva, in questo momento, il concreto rischio di esuberi che come istituzioni stiamo cercando di scongiurare».

In riferimento alla presentazione in sede regionale del Piano industriale dov'era stato stabilito che «il Mise continuasse a seguire l'evoluzione delle vicende societarie riconvocando un tavolo di aggiornamento» l'assessore  ha chiesto di promuove«anche per il tramite della Struttura Crisi, una urgente nuova convocazione al MiSE, alla presenza di tutte le parti interessate, finalizzata a riconsiderare tutto il percorso svolto e ad individuare soluzioni che possano garantire almeno gli attuali livelli occupazionali».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore