L’ultimo saluto a Clara, “ossimoro” per riservatezza e socievolezza

Chiesa del Santo Redentore affollata ai funerali della past gran dama di Legnarello, esempio di donna riservata e socievole

L'ultimo saluto a Clara Casati ha visto una chiesa del Santo Redentore affollata come la notte di Natale o, ancor più, come il giorno della Vittoria giallorossa al Palio.

L'ennesimo atto d'affetto e di umanità, come ha sottolineato il nostro prevosto, mons. Angelo Cairati, di una contrada e di tanta gente che hanno apprezzato in Clara la sua estrema riservatezza, ma anche l'aspetto di donna socievole e disponibile verso gli altri. Un ossimoro, così monsignore l'ha efficacemente e simpaticamente dipinta 

"Una donna che teneva allo stile, nel parlare e nel vestire – ha proseguito don Angelo – con un ruolo apicale nel mondo imprenditoriale, eppure sempre al servizio della contrada con quel genio femminile che l'ha contraddistinta".

In chiesa, tutto il mondo del Palio si è stretto attorno al marito Romano Colombo, ai figli Massimo e Stefano, al fratello Alvaro. Accanto all'altare i gonfaloni del Collegio dei capitani e delle contrade e quello della contrada Legnarello. Con loro, i gagliardetti dell'Ac Legnano, di cui Romano è appassionato dirigente, e dell'associazione Il Sole nel Cuore, cui Clara era particolarmente affezionata.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 07 Dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore