Quantcast

Il ricordo di conoscenti e amici: “Bruno, uomo buono e gentile”

Messaggi da mons. Angelo Cairati, onorevole Paolo Alli, Roberto Maroni presidente della Regione e dall'assessore regionale Massimo Garavaglia...

Servizio di Valeria Arini e Sergio La Torre

Nella foto di copertina i colleghi di Bruno Gulotta, Valerio Porcu e Manolo De Agostini

La notizia dell'uccisione del padre di famiglia, a seguito dell'attentato su La Rambla, è stata comunicata oggi, venerdì 18 agosto, sul periodico informatico in cui lavorava Bruno Gulotta dal country manager, Robero Buonanno che ha sentito la compagna Martina: «La notizia ci è giunta all'improvviso ieri sera. Il collega e amico e' stato travolto e ucciso da un infame terrorista. Era lì in ferie con la compagna e i due figli». Qui l'articolo completo

I giornalisti hanno raggiunto l'abitazione della vittima, in viale Gorizia in mattinata. La prima a confidarsi una vicina di casa, sconvolta dopo avere appreso la notizia: «Una bella famiglia, lo vedevo sempre con la bimba piccola nel passeggino, sapevo che erano in ferie per rilassarsi, è stato un colpo sapere che una famiglia è stata distrutta».

Un altro vicino dichiara: «Bruno era un ottimo padre, molto vicino ai bambini e viveva qui da alcuni anni. Abbiamo appreso la notizia dalla suocera ieri sera e l'ho visto prima che partisse per Barcellona».

Sara, ex compagna di classe di Bruno:  "Lo ricordo come un uomo buono e gentile. Un grande appassionato di informatica. Non abbandonava mai quegli occhiali scuri con i quali ancora oggi lo ricordo con un profondo dolore"

In giornata, ecco alcuni messaggi di cordoglio pervenuti in redazione

Mons. Angelo Cairati, prevosto della città: "Tutta la nostra comunità é vicina alla famiglia Gulotta in questo momento di dolore. Il Signore accolga Bruno nella sua pace, e con lui tutte le vittime del terrorismo". 

Paolo Alli, Presidente dell'Assemblea Parlamentare della Nato e deputato di Alternativa Popolare."Nel dramma di Barcellona per me, da legnanese, il dolore è ancora più profondo per la terribile morte di un mio giovane concittadino, Bruno Gulotta. Legnano è una città laboriosa e artefice del proprio destino. Bruno rappresentava questo spirito e la sua scomparsa lascia una ferita profonda dentro il nostro cuore. Sono certo che la comunità legnanese saprà essere vicina alla moglie e ai piccoli figli di Bruno. Sono in contatto con il sindaco di Legnano, Gianbattista Fratus al quale ho assicurato la mia collaborazione e disponibilità su una vicenda che ci tocca da vicino. Le mie preghiere e i miei pensieri sono rivolti a Bruno e ai suoi familiari ai quali manifesto la mia più sentita vicinanza e la mia solidarietà personale".

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni: "Regione Lombardia e' vicina alla famiglia di Bruno Gulotta e si unisce al suo immenso dolore: faremo tutto quanto di nostra competenza per sostenere la moglie e i figli. Ho dato inoltre mandato di mettere a mezz'asta le bandiere sia a Palazzo Lombardia che in tutte le sedi della Regione nei capoluoghi di provincia".

L'assessore all'economia della Regione Lombardia, Massimo Garavaglia: "Voglio esprimere il mio cordoglio alla famiglia di Bruno Gulotta vittima di questo nuovo pesantissimo atto terroristico islamico che ha colpito Barcellona e messo in lutto la città' di Legnano e il nostro territorio. Siamo vicini all’amico popolo catalano in questo momento di dolore, certi che la barbarie e l’odio cieco e insensato, che vanno combattuti con fermezza e respinti con intransigenza, non riusciranno mai a prevalere sui valori irrinunciabili della libertà, del progresso civile e della convivenza pacifica".

Giuseppe Oliva, esponente del sindacato di via Tadino e responsabile della Cisl per la zona dell’Alto Milanese“A nome della Cisl Milano Metropoli intendo esprimere la mia vicinanza e solidarietà alla famiglia di Bruno Gulotta.  In questi istanti il mio pensiero va a questa giovane famiglia distrutta da un gesto tanto vigliacco, quanto assurdo.  In un attimo momenti di serenità e spensieratezza si sono trasformati in un autentico incubo in nome del più cieco fanatismo. Non saranno il terrore e la paura ad avere il sopravvento”. 


Bruno Gulotta lavorava per il giornale con sede a Legnano, a Tecno City –  Tom's Hardware da 6 anni: «Siamo stati infornati da Roberto Buonanno il nostro Country Manager ieri seraha spiegato in video il collega Manolo De Agostini – I nostri dirigenti sono in contatto con la compagna che nella  tragedia, è fortunatamente rimasta illesa insieme ai figli di cui Bruno ci parlava sempre. Lavorava per il giornale da 6 anni ed era estremamente competente con una risposta sempre pronta su tutto, siamo rimasti senza parole».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 18 Agosto 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore