Nicola Bernocchi porta a Legnano “H24 Boomerang Mai Soli”

Il pronipote del senatore Bernocchi coinvolge la nostra città con un progetto nazionale di assistenza per i più fragili...

Il nome Bernocchi, tanto caro ai legnanesi, torna d'attualità in città. Nicola Bernocchi, pronipote del senatore Antonio, infatti, sta attuando un progetto nato a Macerata e pronto a "traslocare" anche a casa nostra. Si tratta di servizi utili alla comunità, gestiti attraverso una fondazione non profit denominata "Fedaf Fondazione per l'Emergenza Educativa e Assistenza alla Famiglia di Partecipazione", ente giuridico riconosciuto a livello nazionale. 

"La fondazione – spiega Nicola – non nasce dal nulla. Nasce perché, guardandomi attorno, mi sono sentito in dovere morale di intervenire in Italia creando una struttura adeguata per poter sviluppare progetti che possano diventare servizi  utili alla comunità. Fedaf vuole coinvolgere la gente".

"H24 Boomerang Mai Soli è partito a Macerata – ci ricorda ancora Bernocchi – e attraverso Legnano, città alla quale mi sento profondamente legato, vorrebbe estendersi in tutta Italia. L'iniziativa non si sostituisce ai servizi attualmente erogati dalle istituzioni ma anzi è un completamento degli stessi e in tal senso Fedaf è pronta a collaborare con le Istituzioni locali. Personalmente, mi sono anche confrontato con l'assessore Gian Piero Colombo con il quale è stato aperto un tavolo di lavoro".

Il progetto H24 Boomerang Mai Soli intende portare aiuto a persone in difficoltà, non in grado di chiedere aiuto ma chi gli sta vicino può chiamare in vece sua e avere informazioni sul modo di comportarsi. Nicola Bernocchi assicura la possibilità di colloqui personali con un massimo di due sedute gratuite con uno psicoterapeuta della zona. Inoltre qualora il disagio psichico si accompagni a difficoltà di ordine economico o legale l'interessato sarà messo in contatto con avvocati e commercialisti che si sono resi disponibili per un primo  incontro gratuito per offrire consulenze attinenti la loro materia.

Il responsabile del progetto H24 Boomerang Mai soli è Adelio Bravi e a Legnano tra gli psicologi psicoterapeuti a disposizione possiamo citare Pamela Panelli ed Erminia Giambona.

"Fedaf – dichiara ancora Nicola – intende arrivare a seguito di risultati ottenuti  ad ottenere un numero verde finanziato dal governo perché un servizio del genere che porta realmente ad aiutare "la persona" prima che accada il peggio non esiste in Italia oggi. Inoltre, tra i vari progetti in programma abbiamo l'apertura sul territorio nazionale  di alcuni  centri "Apprendimento Fedaf " per affrontare le problematiche DSA (disturbi specifici di apprendimento, n.d.r) e neuropsichiatria infantile".

Questo il contatto telefonico: 049-0966008

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 24 Marzo 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore