Quantcast

IKEA A CERRO: IL “NO” DECISO DI UN LETTORE

La critica è rivolta soprattutto al consumo di territorio, all'incremento del traffico e dell'inquinamento

Egregio Direttore, Leggo sul Suo giornale e qui riporto che il signor  “Lars Petersson, Amministratore Delegato di IKEA Italia, presenterà – giovedì prossimo 15 marzo alle 11,30 alla Cascina Cuccagna in via Cuccagna 2/4, Milano – il Report Ambientale, Sociale e Risorse Umane 2011 di IKEA Italia. Sarà l’occasione anche per comunicare in anteprima un’importante novità commerciale per l’Italia. Facile immaginare che la novità possa anche coincidere con l'insediamento sul territorio cerrese.  IKEA, ricordiamo, è un colosso del mobile con oltre 250 centri di vendita in 37 paesi del mondo, con quasi 130 mila lavoratori”.

Dopo aver letto questa notizia e se verrà veramente annunciato l’insediamento Ikea a Cerro Maggiore, mi sono fatto alcune domande e dato delle risposte:
quindi è già stato tutto deciso? Il consumo di territorio, la soppressione di una vasta area agricola con relativa Cascina con accesso da via Legnano (proseguo di via B.Melzi), la nuova urbanizzazione, l’incremento di traffico e dell’inquinamento, lo stravolgimento della zona, l’adeguamento dei due svincoli autostradali, il definitivo inglobamento dei Nostri Comuni nel caos asfissiante della grande metropoli, fatto questo letale per la nostra identità di “provincia”,.……..evidentemente tutte cose di poco conto per i Nostri Amministratori che, senza alcun civile e democratico contradditorio, logico e necessario per un intervento di questo tipo, hanno dato il loro placet all’iniziativa!
Ma non sono cose di poco conto per i Cittadini che dovranno convivere quotidianamente e perennemente con questi problemi in un Territorio che diverrà irriconoscibile!!!
Perché i Nostri  Amministratori del Territorio (Comuni, Provincia, Regione) non hanno onestamente ed esaurientemente informato i Cittadini facendoli partecipare attivamente al progetto? Evidentemente i Nostri Amministratori pensano di non aver bisogno dei Nostri consigli o suggerimenti…orse si ritengono troppo BRAVI o forse non hanno tempo da  perdere in noiosi incontri serali con la… gente che parla, parla,parla, si lamenta, si  lamenta, si lamenta….. sempre!
Le città di Castellanza e Legnano, Amministrazione e Cittadini, sono al corrente delle conseguenze che porterà l’insediamento Ikea  ai confini dei Loro territori? Ne sono a conoscenza? Sono consenzienti? Stanno facendo qualche cosa in proposito?
–    Che ne sarà della statale Saronnese, dei viali Cadorna e Toselli, già oggi sovraccaricati di       traffico al pari di un’autostrada, ma con un’inquinamento maggiore? La risposta ai posteri!
Con gli esigui spazi a disposizione si potranno realizzare gli adeguamenti degli svincoli autostradali di Castellanza e Legnano senza stravolgerne i luoghi ed in tutta sicurezza?
Ne dubito fortemente.
Senz’altro la “location” per la presentazione del Report 2011 Ikea è perlomeno curiosa:
Cascina Cuccagna, una vecchia e storica cascina di Milano oramai inglobata fra i tanti palazzoni di Porta Romana. Da Wikipedia:
“Il paese di Cuccagna è un luogo ideale, ricordato in molti testi di ogni epoca, nel quale il benessere, l'abbondanza e il piacere è a portata di tutti. Il termine Cuccagna deriva infatti dal gotico "koka" (torta) e sta a significare la possibilità di godere di ogni bene. Come per l'Albero della cuccagna si ipotizza che all'origine del termine "Cuccagna" ci sia probabilmente la radice latina coq- – quella di cucina (coquina), ma anche di "cake" e "kuche"    
“Location” migliore per l’anteprima del nuovo insediamento non si poteva trovare!
Il signor Lars Petersson, annunciando Ikea a  Cerro Maggiore giovedì 15 marzo p.v., certamente assicurerà alla platea che l’impatto Ambientale e Sociale che l’intervento produrrà sul Territorio è stato pensato, progettato,verificato ed approvato conformemente alle Leggi ed ai regolamenti vigenti e che porterà grandi benefici per tutti! Amen! Sarà veramente cosi?
Ma per chi è la vera Cuccagna nell’area della Cascina di via Legnano di Cerro Maggiore?
-forse per i proprietari dei vecchi terreni agricoli.
-forse per i 2/300 commessi, magazzinieri, magari diplomati o laureati che dovranno,purtroppo,
accontentarsi di “quello che passa il Convento”.
-certamente ci sarà Cuccagna per le Amministrazioni Comunali di Cerro Maggiore e Rescaldina  che, non curanti dei danni che l’insediamento porterà ai dei Comuni limitrofi, incasseranno milioni  di euro fra oneri di urbanizzazione ed IMU.
-certamente ci sarà Cuccagna per i fornitori orientali di Ikea che venderanno le loro merci ai  Cittadini di un territorio fra i più ricchi ed industrializzati d’Europa.
-certamente ci sarà Cuccagna per Ikea che realizzerà un grosso guadagno (si dice guadagno o  speculazione?) dalla rivendita ad altri grossi distributori commerciali dei terreni ex agricoli.
Ai piedi dell’Albero della Cuccagna chi resterà a guardare a bocca asciutta ed anche amara con il naso all’insù?
-certamente non ci sarà Cuccagna per i Cittadini di tutto il Nostro Territorio, Castellanza e Legnano,  in particolare, per i quali non ci saranno né benessere, né abbondanza né piacere… ma  resteranno, come si dice in questi casi: cornuti e mazziati.
-certamente non ci sarà Cuccagna per i tanti giovani diplomati e laureati di questa, purtroppo oramai  ex, Terra d’Impresa, che non saranno chiamati a coprire mansioni né dirigenziali né progettuali  nella sede locale di Cerro Maggiore perché i prodotti vengono progettati e collaudati in Svezia,  mentre nei centri di vendita servono solo figure secondarie di complemento. Saranno così privati dall’occasione di prepararsi un futuro imprenditoriale.
-certamente non ci sarà Cuccagna per le tante piccole aziende artigianali del Nostro Territorio che
non potranno fornire i loro prodotti all’Ikea perché ritenuti non concorrenziali, ignorando così le  grandi qualità e potenzialità del made in Italy.
Prepariamoci,dunque,a gemellarci con città come Corsico, Cesano Boscone, Sesto S.Giovanni, Bresso, Cormano ecc.città di provincia scippate dalla Loro identità per porsi al servizio di Milano.
Domande e risposte inopportune e pessimistiche, signor Direttore?
La parola ai Lettori di Legnanonews.
Grazie per l’attenzione.

Lettera firmata 

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 10 Marzo 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore