Quantcast

Schiaffi per rapinare l’autista dell’autobus: in manette pregiudicato di Gallarate

Lo scorso 13 luglio l’autista di un autobus della STIE aveva chiesto l’intervento della volante del commissariato dicendo di essere appena stato rapinato. Le indagini e la svolta

autobus stie liceo crespi busto arsizio

“Qualche centone facile” nei pensieri di chi è avvezzo a violenza e brutalità predatoria di strada: schiaffi in faccia, lo strappo del borsello con l’incasso di giornata e poi via, tranquillo.

Ma due giorni fa al termine di una accurata attività d’indagine, la polizia di Stato di Busto Arsizio ha arrestato il presunto autore di una rapina perpetrata ai danni di un autista di un autobus della STIE. Nello specifico, lo scorso 13 luglio l’autista di un autobus della STIE aveva chiesto l’intervento della volante del Commissariato di P.S. Busto Arsizio dicendo di essere appena stato rapinato.

Agli agenti l’uomo spiegava che, arrivato alla fermata tra corso Sempione e via Cascina dei Poveri, un passeggero lo aveva colpito con uno schiaffo al volto, si era fulmineamente impossessato del borsello con l’incasso della giornata di circa 350 euro e, sceso dall’autobus, era riuscito a fuggire e a far perdere le proprie tracce.

Sulla scorta della descrizione del rapinatore e dopo aver acquisito i filmati registrati da alcune telecamere presenti in corrispondenza delle fermate e del tragitto del mezzo di trasporto pubblico, gli investigatori del commissariato di via Foscolo sono riusciti a risalire all’identità del sospettato, un noto pregiudicato italiano residente a Gallarate, città nella quale era salito sull’autobus. Nei suoi confronti la Procura della Repubblica di Busto Arsizio, ricevuta la comunicazione della notizia di reato, ha emesso un’informazione di garanzia per rapina aggravata.

Poiché l’uomo avrebbe commesso il reato pur trovandosi sottoposto a una misura alternativa alla detenzione per precedenti condanne, il Giudice dell’esecuzione, informato dal Commissariato, ha sospeso tale misura ordinando che il pregiudicato fosse nuovamente condotto in carcere, dove i poliziotti l’hanno tradotto dopo averlo trovato nella sua abitazione e arrestato.

di redazione_varesenews@varesenews.it
Pubblicato il 11 Agosto 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore