Quantcast

Centrodestra unito con Angelo Soragni, ecco il programma per «cambiare volto a Castellanza»

Il capogruppo uscente della Lega Nord ha presentato lista e programma per una «Castellanza più bella, sicure e digitale». Tra le proposte la cittadella della salute e il coworking nella vecchiastazione. Impegno per combattere le "puzze" in Valle

Generica 2020

Il centrodestra unito si presenta alla città con Angelo Soragni candidato sindaco. In un’area esterna, ma al coperto, del Palaborsani, il capogruppo uscente della Lega Nord, medico di medicina generale, ha presentato il programma con cui insieme alla sua coalizione sogna di «cambiare il volto della città».

A sostenere il candidato del centrodestra un parlamentare, Stefano Candiani, un consigliere regionale, Marco Colombo e un ex sindaco Andrea Pellicini: «Castellanza è una città perno tra Milano e Varese, una città importante che ha bisogno di rinnovamento: bisogna renderla meno milanocentrica e per farlo abbiamo bisogno di sindaci coraggiosi.  Noi come Regione siamo pronti ad aiutare chi amministra i Comuni, soprattutto chi ha belle progettualità da proporre. Adesso è il momento di andare “pollaio per pollaio” a convincere anche gli indecisi».

Generica 2020

«Quelle che vedete nella nostra coalizione non sono sigle ma valori e principi – ha detto Candiani – e un’amministrazione deve avere valori per governare. Le cose da fare sono tante: partiamo dall’Olona, dall’ambiente, cambiamo Castellanza».

In lista Angelo Soragni tanti volti noti del centrodestra castellanzese, ma anche qualche giovane new entry, e amministratori storici come Romeo Caputo passato al centro destra come rappresentante dell’associazione Castellanza nel Cuore. Ricordiamo che oltre ai simboli di Lega, Forza Italia e Frratelli d’Italia fa parte della coalizione anche la lista “Polo Civico”

LA LISTA

Romeo Caputo
Domenique Caso
Fabrizio Cerana
Paolo Colombo
Antonino Di Dato
Ferruccio Ferro
Vittorio Thomas Guerini
Ernestino Marco Lonati
Giovanni Manelli
Matteo Mazzucco
Raffaella Radaelli
Nicoletta Veronelli
Delfina Vignati
Antonella Zucchelli

Tra di loro ben 4 architetti pronti a “ridisegnare” la città che la coalizione vuole rendere più bella, pulita, sicura e digitale portando il Wifi in tutta Castellanza. «La nostra è una città in certe zone bombardata – ha detto Soragni – c’è troppa incuria, soprattutto vicino all’università frequentata da studenti provenienti da tutta Europa. Uno dei nostri obiettivi è proprio quello di intensificare le relazioni con l’ateneo».

IL PROGRAMMA

Nel presentare il programma il candidato sindaco è partito dalla proposta di una cittadella della salute da realizzare nell’ex convento dei Camilliani dove intende trasferire anche la casa di riposo Moroni aprendola anche ai Comuni di Olgiate Olona e Marnate. «Oltre a poliambulatori specialistici, – ha annunciato Soragni – pensiamo anche ad ambulatori per i disturbi alimentari, assenti sul territorio, a una palestra per fisioterapia e all’hospice. Tutti servizi da coordinare con Asst, Ats e le cliniche private castellanzesi». Una “Casa della Comunità”, progetto che a cui sta lavorando anche l’amministrazione comunale uscente.

Per collegare la parte alta di Castellanza a Castegnate anche Soragni intende realizzare un corridoio verde che passa nel “bosco Cantoni” dove vorrebbe inserire anche strutture sportive in collaborazione con  l’università. Tra le opere anche il collegamento ciclabile dalla città al Parco Alto Milanese fino al parco del Ticino: «L’ambiente non è una prerogativa della sinistra, anche noi della Lega abbiamo il cuore verde», ha detto Soragni che si è preso anche l’impegno di trovare una soluzione per risolvere definitivamente  il problema delle puzze in Valle Olona.

Nel programma spazio anche al lavoro con il potenziamento del coworking, da collocare all’interno della vecchia stazione che verrebbe così recuperata con una nuova funzione, e alla sicurezza con la proposta di security point, vigili di quartiere e più telecamere. Per il decoro dell’ambiente, invece, il candidato ritiene indispensabile soprattutto una maggiore cura dei parchi che devono essere fruibili ma anche la possibilità di potere incastrare chi lascia a terra le deiezioni del proprio cane attraverso l’analisi del Dna.

Altro capitolo riguarda lo sport con il desiderio di organizzare una gara di handbike e una mezza maratona per le vie di Castellanza: «Lo sport, anche quello spontaneo deve essere sostenuto», mentre per quanto riguarda l’economia il centrodestra intente sostenere il commercio di vicinato e la nascita e lo sviluppo start up innovative. Infine sulla viabilità la promessa è quella di eliminare il T-red sulla Saronnese. 

 

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore