Quantcast

Processo Mensa dei poveri, tutti rinviati a giudizio

Tra loro anche l'ex-eurodeputata Lara Comi e il sindaco di Gallarate Andrea Cassani. Inizio del processo, probabilmente, ad ottobre

tribunale procura milano

Sono stati tutti rinviati a giudizio a Milano gli oltre 60 imputati, tra cui l’ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi, il sindaco leghista di Gallarate Andrea Cassani, l’ex vicecoordinatore lombardo ‘azzurro’ ed ex consigliere comunale milanese Pietro Tatarella e il consigliere lombardo e collega di partito Fabio Altitonante.

Tutti tranne gli imputati accusati di abuso d’ufficio (tra i quali la dirigente del Comune di Gallarate Marta Cundari) per i quali è stata pronunciata una sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato. 

La decisione del gup Natalia Imarisio ha riguardato coloro che hanno scelto il rito ordinario nel procedimento a carico di oltre un centinaio di persone, scaturito dalla riunione di quattro filoni dell’inchiesta “Mensa dei poveri” su un presunto sistema di mazzette, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti in Lombardia. Prima udienza del dibattimento fissata per il 18 novembre, avanti al tribunale di Milano, sesta sezione penale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore