Quantcast

La Liuc ai tavoli regionali per lo sviluppo economico

LIUC condivide con il territorio le sue competenze partecipando ai tavoli regionali per lo sviluppo economico e fornendo alla comunità l'indicatore che traccia la dinamica di diffusione del virus

Generico 2018

Per affrontare al meglio le criticità che caratterizzano questa fase di riapertura delle attività produttive e di rilancio del sistema economico, Regione Lombardia ha attivato una serie di tavoli di confronto coinvolgendo tutti i soggetti attivi sul territorio, dalle associazioni di categoria alle Università, con l’obiettivo di cogliere tutte le sensibilità e le istanze degli attori economici e istituzionali lombardi e organizzare una risposta il più possibile organica ed efficace.

Come sempre, LIUC ha partecipato attivamente e con entusiasmo al progetto, portando il suo contributo nell’ambito del tavolo sullo sviluppo economico, in linea con lo spirito di supporto agli stakeholders del territorio che ne anima da sempre l’attività didattica e di ricerca.
«In questa occasione è stato possibile mettere a frutto un ampio bacino di competenze che la nostra Università ha sviluppato negli ultimi anni» ci racconta Andrea Venegoni, ricercatore della LIUC che ha partecipato ai lavori. «Attingendo al nostro patrimonio di conoscenze, compendiato nel libro “Welcome In – Percorsi di attrattività territoriale”, che condensa anni di ricerca in tema di economia regionale, abbiamo potuto portare all’attenzione dei decisori alcuni aspetti fondamentali da tenere in considerazione per rilanciare il sistema economico in questa delicata congiuntura».

Le manovre messe in campo da regione Lombardia vanno nella giusta direzione?
«Il pacchetto di misure economiche contenuto nella legge regionale 9/2020 denominata “interventi per la ripresa economica” coglie molti degli aspetti portati avanti dai diversi rappresentanti di industria e commercio nei lunghi e ripetuti confronti al tavolo sullo sviluppo economico. Puntare sulla semplificazione e stimolare investimenti in infrastrutturazione fisica e digitale è sicuramente un buon punto di partenza per rimettere il sistema economico lombardo sui binari dello sviluppo. Questi, infatti, anche in momenti di stabilità economica, sono tra i principali fattori che determinano la competitività di un territorio».

Le segnalazioni dei partecipanti al tavolo non si sono fermate però alla richiesta di interventi economici a supporto delle imprese. Un’importante istanza, sollevata sia dal mondo imprenditoriale che dagli amministratori locali (ANCI), riguarda la necessità di disporre di dati che monitorino con sufficiente affidabilità le dinamiche di evoluzione del contagio. LIUC si è dimostrata pronta anche su questo fronte e, facendo leva sulla flessibilità e capacità di risposta dei suoi Centri di ricerca, ha adattato tecniche e strumenti sviluppati negli anni a temi di stretta attualità. «Per rispondere a un bisogno forte di molti attori del territorio, LIUC Business School, ibridando tecniche di statistica economica con temi socio-sanitari, ha messo a disposizione della comunità INDICE, un indicatore di screening dell’intensità dei contagi effettivi, capace di tracciare la dinamica di diffusione del virus includendo anche i casi che sfuggono alla statistica ufficiale», dichiara Massimiliano Serati, direttore della Divisione ricerca e advisory di LIUC Business School e supervisore scientifico del progetto. Conclude Serati: «Questa situazione straordinaria ha fatto emergere una volta di più la simbiosi virtuosa tra attività scientifica ed ecosistema territoriale. Ha evidenziato, infatti, l’elevata redditività degli investimenti in ricerca, da misurarsi non solo in termini monetari, ma soprattutto in termini di impatto generato sulla capacità del territorio di essere competitivo e resiliente».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 26 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore