Quantcast

Campagna Lav nel Rhodense e Alto Milanese: “Ecco perché è importante adottare e non comprare”

Alla campagna "Adottali l’amore non si compra" hanno partecipato con l’affissione dei manifesti e il patrocinio, i comuni di: Arese, Bollate, Rho, Cerro Maggiore, Cesate, Cornaredo, Nerviano, Cogliate e Castellanza.

Lav

Grande successo della campagna Lav: “Adottali l’amore non si compra”, a questa iniziativa hanno partecipato con l’affissione dei manifesti e il patrocinio, i comuni di: Arese, Bollate, Rho, Cerro Maggiore, Cesate, Cornaredo, Nerviano, Cogliate e Castellanza.

«Il nostro scopo – spiega Daniela Stancich referente Lav per la provincia di Milano – è informare i cittadini che molti dei cani che vengono acquistati in alcuni negozi e sulla rete provengono dal traffico illegale di cuccioli. Questi cuccioli vengono importati dall’ Est Europa (Ungheria, Slovacchia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca) si stima che il 50% dei essi muoia durante il trasporto. Staccati prematuramente dalla mamma, senza vaccinazioni, con documenti falsi e spesso malati. Dietro questo business si nascondono gruppi organizzati che importano gli animali e li smerciano attraverso venditori compiacenti: sono circa 8.000 i cuccioli che ogni settimana vengono importati in Italia, per un valore commerciale di 5.600.000 euro».

E se il cucciolo nasce in Italia? «Molto spesso – specifica la referente – per produrre il cane di moda le cagne partorienti muoiono giovani dopo una vita di sfruttamento e i cuccioli invenduti fanno spesso una brutta fine. La vendita ambulante o occasionale di cani e gatti in certi negozi, nelle fiere e on-line è sempre più diffusa. Evitare di comprare e fare nascere animali è l’unico modo per combattere il randagismo che è un fenomeno ancora molto diffuso nel nostro Paese, secondo l’ultima stima diffusa dal Ministero della Salute, ci sarebbero 131.302 cani detenuti nei canili, di cui 13.064 detenuti in quelli sanitari e 118.238 in quelli rifugio. Ecco perché è importante adottare e non comprare: un cane comprato ruba il posto a uno abbandonato che si trova in canile o per la strada. L’ adozione di un amico a quattro zampe è una scelta responsabile e per tutta la vita e ed è un fondamentale strumento che assicura un risparmio considerevole alla collettività: un solo cane in canile costa mediamente ai Comuni 1.277,50 euro l’anno».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 19 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore