Coronavirus Fase #3: il Comune riapre con appuntamenti per il pubblico

Dal 22 giugno fino al 31 luglio gli uffici e gli sportelli comunali di Rho saranno aperti al pubblico solo su appuntamento

Comune di Rho

Dal 22 giugno fino al 31 luglio gli uffici e gli sportelli comunali di Rho saranno aperti al pubblico solo su appuntamento e per il tempo strettamente necessario all’espletamento delle pratiche: questa la decisione dell’amministrazione comunale per tutelare la salute dei cittadini e del personale dipendente e per evitare qualunque forma di assembramento. I cittadini sono invitati a verificare sul sito internet comunale www.comune.rho.mi.it la disponibilità dei servizi on line. I cittadini, che con appuntamento si presenteranno agli sportelli, dovranno attenersi ad alcuni comportamenti:

• Non è consentito accedere o sostare nei locali comunali per scopi non inerenti alle attività istituzionali.
• E’ ammessa la presenza di un solo utente per ogni ufficio per il tempo strettamente necessario per l’espletamento della pratica. In caso di presenza di un minore o di persona con disabilità è possibile un solo accompagnatore.
• Non è consentito l’accesso agli uffici a chi sia sprovvisto di idonea mascherina protettiva e a chi abbia una temperatura corporea superiore ai 37.5°. Gli utenti dovranno mantenere adeguata distanza di sicurezza.
• Al fine di tracciare i contatti fra soggetti, ai sensi del decreto legge n° 28 del 30 aprile 2020, l’accesso agli uffici sarà registrato annotando i soli dati anagrafici dei cittadini. Tali dati, ai sensi del Regolamento Privacy UE 2016/679, saranno utilizzati esclusivamente per gli scopi previsti dalle misure di contenimento del virus e per il periodo strettamente necessario.

«Dall’inizio del diffondersi della epidemia da COVID-19 abbiamo subito adottato le adeguate misure organizzative per consentire da un lato l’erogazione dei servizi al cittadino e dall’altro la tutela de la salute del nostro personale.- commenta l’assessore al Personale Andrea Orlandi – Queste misure sono state via via intensificate ed adeguate in relazione all’aggravarsi dell’emergenza epidemiologica e alle conseguenti decisioni assunte a livello governativo e regionale. Dal 13 marzo la maggior parte dei dipendenti è stata collocata in Lavoro agile, misura che ha poi interessato la quasi totalità dei dipendenti a partire dal 23 marzo quando è stato disposto il lockdown. La media delle presenze giornaliere di personale in servizio nella fase di emergenza acuta è stata di circa 30 unità. Adesso stiamo ritornando alla normalità in modo graduale, arricchiti da questa esperienza e dalle competenze acquisite. Ringrazio tutto il personale, e in particolare coloro che si sono occupati dell’organizzazione dei servizi, che ha risposto con velocità ed efficacia alle modifiche organizzative, affrontando le diverse difficoltà operative con competenza e grande senso di responsabilità. Il personale ha lavorato con la piena consapevolezza che stavamo affrontando un’emergenza drammatica e ha sempre fatto fronte con serietà e dedizione a vantaggio dei nostri cittadini».

Qui le modalità di erogazione per singolo ufficio.

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 19 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore