Quantcast

Al via a Palazzo Pirelli la campagna “Testa la vista” per prevenire la maculopatia

La patologia colpisce circa 300 mila persone in Lombardia, 2 milioni in Italia. Fondamentale è la prevenzione

lombardia generiche

«Diagnosi precoce e cure innovative. Questi sono gli obiettivi che Regione Lombardia deve sostenere per contrastare questa malattia cronica dell’occhio. Alla sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione, le istituzioni devono accompagnare l’utilizzo delle novità tecnologiche e terapeutiche individuate dalla ricerca negli ultimi anni e la loro diffusione sul territorio soprattutto nell’ottica della ‘medicina di prossimità’».
Lo ha sottolineato il vicepresidente del Consiglio regionale Carlo Borghetti durante la presentazione della campagna informativa “Maculopatia: al via la campagna “Testa la vista” che si è svolta oggi a Palazzo Pirelli a margine dei lavori d’Aula.

Durante la mattinata sono stati effettuati test oculistici gratuiti su base volontaria con un macchinario dedicato all’individuazione e all’analisi precoce della maculopatia, che ha visto l’adesione di numerosi Consiglieri regionali.

All’iniziativa, promossa dal vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Carlo Borghetti in collaborazione con l’Ordine Provinciale dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Milano, hanno partecipato anche il presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi, il presidente dell’Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano Roberto Carlo Rossi, il direttore della Clinica Oculistica dell’Università degli Studi di Milano Ospedale Sacco Giovanni Staurenghi, il segretario dell’ “Associazione Goal – Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi” Danilo Mazzacane e il presidente dell’Associazione Pazienti Comitato Macula Massimo Ligustro.

«La prevenzione e la diagnosi precoce della maculopatia sono fondamentali sia per evitare gravi disturbi della vista che per tenere sotto controllo il diabete -ha ribadito il presidente Alessandro Fermi. «Un ringraziamento particolare va pertanto all’Ordine dei Medici, alle Associazioni e alle strutture che hanno promosso questa campagna di informazione e sensibilizzazione, dovere delle istituzioni è sostenere iniziative come queste dando per prime testimonianza concreta della loro importanza e del grande valore che rivestono. Una collaborazione sempre più stretta tra le realtà territoriali e le istituzioni è fondamentale per dare vita a sinergie virtuose ed efficaci».

«E’ indispensabile realizzare una strategia che prefiguri un adeguato percorso di diagnosi e cura – ha evidenziato Danilo Mazzacane – che coinvolga attivamente tutti gli attori per un cambiamento radicale delle modalità operative. La creazione di reti specialistiche oftalmologiche potrebbe rendere più agevole la presa in cura dei pazienti da patologie croniche come la maculopatia, con una sinergia virtuosa tra Territorio ed Ospedale che comporterebbe anche una efficace alleanza tra medico e paziente. GOAL promuove ed auspica una diffusa buona informazione riguardo la maculopatia, con una capillare opera di prevenzione, utilizzando le innovazioni tecnologiche in ambito farmacologico, biomedico e telematico, al fine di permettere una veloce diagnosi ed una pronta terapia di prossimità con un minor numero di trattamenti».

“Testa la Vista” punta alla prevenzione della maculopatia, che colpisce circa 300 mila persone in Lombardia (2 milioni in Italia), e a quella delle patologie correlate come il diabete.
Le conseguenze della maculopatia possono essere gravi, non solo per la vista dove è la principale causa di cecità dopo i 55 anni. La maculopatia è anche un sintomo certo di malattie croniche come il diabete mellito, con tantissimi malati (oltre il 10%) che ne soffrono senza saperlo.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 12 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore