Quantcast

Agenzia delle Entrate: «Attenzione alle finte mail, non aprite i file»

I truffatori sono tornati a colpire chiedendo alle vittime l’ultima dichiarazione redditi. La modalità è sempre la stessa: viene inviata un mail con indicazioni ingannevoli e un allegato con file malevolo

computer

Dopo i finti intermediari che sostengono di operare per conto del fisco ecco che i truffatori sono tornati di nuovo a colpire chiedendo alle vittime l’ultima dichiarazione redditi. La modalità è sempre la stessa: viene inviata un mail con indicazioni ingannevoli e un allegato con file malevolo.

«Le mail utilizzano un indirizzo mittente, riportato anche nel testo del messaggio, che richiama l’Agenzia e per visualizzare le disposizioni invitano ad aprire un allegato cifrato, al cui interno è poi contenuto un file malevolo – segnalano dall’Agenzia delle Entrate -. Questi messaggi non sono evidentemente inviati dell’Agenzia delle Entrate, che ne disconosce completamente il contenuto. La raccomandazione è quella consueta di cestinarli senza aprire gli allegati».

Le false mail inviate da presunti indirizzi come “Ufficio accertamenti”, “Direzione nazionale Agenzia delle Entrate”, “ufficioagenzia”, “ufficioriscossioni”, hanno come oggetto “Commissione di osservanza sul registro tributario” oppure “Commissione di osservanza sull’anagrafe tributaria”. I messaggi invitano a consegnare l’ultima dichiarazione redditi entro le scadenze previste dal TUIR.

Agenzia delle Entrate: «Attenzione alle false mail per imposte inesistenti»

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore