Quantcast

Rivoluzione su due ruote con la rete ciclabile metropolitana di Milano (che arriva fino al Varesotto)

Nel piano di sviluppo della rete ciclabile “Cambio” i collegamenti arrivano fino alla provincia di Varese con i due corridoi che si spingono da un lato a Gallarate e dall’altro a Saronno e Malpensa

ciclabile milano

Un progetto ambizioso e molto atteso da chi ama spostarsi in bicicletta quello approvato dal Consiglio metropolitano di Milano per creare e mettere a sistema una rete di percorsi ciclabili in grado di costituire una vera e propria “metropolitana delle biciclette”.

Il progetto è il Biciplan “Cambio”, e vede 24 linee super-ciclabili: 4 circolari, 16 radiali e 4 greenways. In totale 24 tragitti studiati per connettere scuole, aziende, stazioni, ospedali, parchi e musei, dall’hinterland al cuore di Milano e viceversa e per collegare tra loro i comuni.

Gli obiettivi della Città Metropolitana di Milano, per i qual è stato previsto un piano da 250 milioni di euro, sono molto ambiziosi: raggiungere il 20% degli spostamenti totali in bicicletta e il 10% degli spostamenti intercomunali.

Cambio è un progetto di sistema che integra la tutela ambientale, la sicurezza, lo sviluppo economico e il benessere generale. Lo sviluppo della ciclabilità porta a ridurre le emissioni climalteranti, a creare corridoi verdi per la tutela della biodiversità, a rendere gli spostamenti più sicuri per tutte le tipologie di ciclisti, a migliorare la salute pubblica aumentando le occasioni quotidiane di esercizio e movimento. Inoltre, ad una diminuzione della congestione degli spostamenti, è correlato l’aumento della produttività e lo sviluppo di economie di prossimità.

I percorsi fino alla provincia di Varese

Nel piano di “Cambio” i collegamenti ciclabili arrivano fino alla provincia di Varese con i due corridoi che si spingono da un lato a Legnano e Gallarate e dall’altro a Saronno e Malpensa. Senza contare che viene intersecata la greenway che va da Pavia al Lago Maggiore.

La rete di corridoi ciclabili di Cambio coniuga una direzionalità da/verso il centro con linee di interconnessioni su tutto il territorio metropolitano: le linee circolari si intersecano con le linee radiali e con le greenways.

Queste linee sono definite super-ciclabili: sono progettate per un traffico intenso di biciclette e adatte ad una elevata velocità di crociera, compatibile con un uso diffuso della bicicletta, anche elettrica, per spostamenti quotidiani di media lunghezza (tra i 5 e i 15 km). La rete di Cambio supporta una ciclabilità quotidiana e di scopo, per rendere la bicicletta la scelta più ovvia per tutte le persone, per spostarsi tutti i giorni.

L’obiettivo di un biciplan, però, non è definire nel dettaglio tutti i percorsi ciclabili, ma individuare i corridoi primari a livello metropolitano e fornire una programmazione tecnica ed economica da delineare nelle fasi successive a livello locale con gli studi di fattibilità, le progettazioni definitive ed esecutive e la cantierizzazione dei lavori necessari.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore