Quantcast

Picchiatore seriale arrestato, tra le vittime del 30enne violento c’era la madre

L'uomo violento è stato fermato dalla Polizia di Stato a Milano per aver maltrattato la sua fidanzata, ma nel suo "curriculum" sono numerosi gli atti violenti contro le donne

violenza sulle donne

È un picchiatore seriale il 30enne arrestato a Milano, mercoledì 20 gennaio, dalla Polizia di Stato. L’uomo violento è stato fermato per aver maltrattato la sua fidanzata, ma nel suo “curriculum” sono numerosi gli atti di maltrattamento contestati e tra le vittime c’è anche sua madre. I poliziotti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nella stessa giornata dal Tribunale di Milano nei confronti del 30enne italiano pluripregiudicato, con l’accusa di maltrattamenti e lesioni gravi nei confronti della sua compagna.

Le indagini degli agenti del Commissariato Porta Genova hanno avuto inizio nel secondo semestre del 2019, quando una ragazza ha trovato il coraggio di denunciare le violenze subite dall’uomo il quale, accusandola di avere una relazione clandestina, l’aveva picchiata violentemente, per poi riuscire a farsi perdonare. Secondo il racconto della ragazza, le violenze sono però riprese poco dopo con maggiore intensità. In quest’ultimo episodio il trentenne ha insistito per accompagnare la vittima al pronto soccorso per assicurarsi che la donna riferisse ai sanitari di essere caduta dalla bici.

Secondo gli accertamenti non si è trattato del primo reato violento consumato dall’uomo, già sorvegliato speciale ed abituale assuntore di alcolici e sostanze stupefacenti. Il 30enne infatti era stato già precedentemente processato per reati contro il patrimonio, resistenza a Pubblico Ufficiale, e soprattutto lesioni e maltrattamenti nei confronti della propria madre, ripetutamente picchiata e vessata con violenze psicologiche quotidiane; episodi che hanno portato a un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare con conseguente divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Nel mese di giugno 2019, inoltre, la volante del Commissariato Porta Genova era intervenuta in casa di un’altra ragazza, con la quale l’arrestato aveva un’altra relazione, accertando anche in questo caso episodi di violenza nei confronti della donna. Le violenze di quel giorno avevano indotto la donna a fuggire sul pianerottolo per chiedere aiuto e in quella occasione venne trasportata al Pronto Soccorso a causa dei lividi riportati su tutto il corpo.

Le indagini degli agenti sono, infine, risalite ad episodi di violenza compiuti dal trentenne nei confronti anche di un’altra ragazza residente in Veneto, con la quale aveva una relazione parallela. Anche in questo caso, sempre per motivi di gelosia, avrebbe dapprima ripetutamente cagionato violenze psicologiche alla vittima poi, nel settembre 2019, in seguito all’ennesima lite, l’ha colpita fino a provocarle danni all’occhio sinistro.

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 23 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore