Quantcast

Sindaco Radice e ANPI Legnano: «Pronto un piano per altre “pietre d’inciampo”»

Anche Carlo Ciapparelli della Tosi, Giuseppe Ciampini e Giannino De Tommasi della ex E. Comerio, Rino Cassani e Mario Pomini della ditta E. Bozzi saranno i prossimi deportati ad essere ricordati con un "blocco di pietra"

Il progetto delle “pietre d’inciampo”, iniziativa per ricordare i deportati deceduti nei campi di concentramento tedeschi nella seconda guerra mondiale, va avanti. Non si fermerà alle 7 pietre collocate questa mattina sul marciapiede davanti l’ingresso della Franco Tosi dove nel gennaio 1944 avvenne una deportazione di operai e alcuni di loro non fecero più ritorno a casa.

Pericle CimaAlberto GiulianiCarlo GrassiFrancesco OrsiniAngelo SantambrogioErnesto Venegoni e Antonio Vitali e Paolo Cattaneo, non sarnno quindi i soli ad avere un perenne ricordo a Legnano del loro martirio, lo hanno garantito il sindaco Lorenzo Radice e il presidente ANPI Legnano, Primo Minelli, alla cerimonia odierna alla fabbrica Legnanese.

Ha dichiarato sul tema lo stesso Minelli: «A conclusione della manifestazione di oggi, qui sul marciapiede, poseremo sette pietre d’inciampo in onore dei sette lavoratori  deportati a Mauthausen che non fecero più ritorno. Oggi, ricordiamo i deportati di gennaio 1944, ma ci ricorderemo, con altre pietre d’inciampo, anche di coloro che furono deportati successivamente, a marzo. Carlo Ciapparelli della Tosi che non compare  sulla lapide, Giuseppe Ciampini e Giannino De Tommasi della ex E. Comerio, Rino Cassani e Mario Pomini della ditta E. Bozzi – Bici Legnano) ed altri ancora di cui stiamo raccogliendo il materiale necessario per attuare l’iniziativa che richiede il rispetto di protocolli ben definiti».

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 10 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore