Quantcast

Commemorazione dei deportati Franco Tosi di Legnano: il ministro Orlando inaugurerà le pietre d’inciampo

Annuale ricorrenza lunedì 10 gennaio, per ricordare la deportazione degli operai nel gennaio 1944 a Mauthausen

susanna camusso cgil franco tosi deportazione

Sarà il ministro del Lavoro On. Andrea Orlando il relatore ufficiale al 78° anniversario dei deportati della Franco Tosi a Mauthausen domani, lunedì 10 gennaio, a Legnano.

Galleria fotografica

Pietre d'inciampo a Legnano 4 di 5

Il programma diffuso dalla sezione legnanese dell’ANPI prevede alle 9.45 il concentramento in fabbrica al Reparto Sala C. Alle 10, gli interventi della Rappresentanza Sindacale Unitaria, del sindaco di Legnano Lorenzo Radice, degli studenti delle scuole legnanesi e quindi del Ministro del Lavoro On. Andrea Orlando

Al termine, deposizione di una corona alla lapide che ricorda la deportazione e la posa delle sette “pietre d’inciampo” all’ingresso della fabbrica con intervento del presidente ANPI Legnano Primo Minelli. Una delegazione depositerà anche una corona  al monumento dei caduti della Ercole Comerio e un’altra al monumento al partigiano al cimitero monumentale.

Momento nuovo della cerimonia che si ripete annualmente nella fabbrica legnanese la collocazione delle pietre d’inciampo, con le quali viene mantenuta viva, fisicamente, la Memoria di cittadini deportati nei campi di concentramento e di sterminio nazisti che non hanno fatto ritorno alle loro case. Il progetto legnanese  è firmato dall’ANPI per ricordare gli operai mai più tornati nelle loro case dopo la deportazione del gennaio 1944: Pericle Cima, Angelo Santambrogio, Alberto Giuliani, Ernesto Venegoni, Carlo Grassi, Francesco Orsini e Antonio Vitali.

Pietre d'inciampo a Legnano

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pietre d'inciampo a Legnano 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore