Quantcast

“Teatro Amore Mio”, al Castello di Legnano la terza serata del Rotary Aid Festival

In programma sabato 28 agosto alle 21 al Castello di Legnano, l'evento andrà a sostenere il fondo povertà della Fondazione Ticino Olona. Tanti gli artisti che saliranno sul palco in uno spettacolo dedicato all'amore

Rotary Aid Festival Cabaret

L’ultimo appuntamento del Rotary Aid Festival 2021, il festival a sostegno del fondo povertà della Fondazione Ticino Olona, è dedicato al teatro in tutte le sue declinazioni. La serata, diversamente dalle prime due, ha un titolo: “Teatro Amore Mio”.

Paolo Scheriani, ideatore del Rotary Aid Festival, nell’ultima serata in programma sabato 28 agosto alle 21 al Castello di Legnano, condurrà il pubblico in un viaggio appassionato nel più forte dei sentimenti umani. Al suo fianco Nicoletta Mandelli e tanti altri artisti, tra cui Luciano Mastellari, Caterina Desario, il ritorno sul palco del Rotary Aid Festival di Giorgio Adamo, Yoko Takada, i ballerini di tango Manuel Bianchi e Michela Elicio. Ci sarà anche l’Orchestra Hayden Città di Legnano e l’amichevole partecipazione di Oriella Dorella.

L’amore sarà il protagonista della serata perché l’amore può tutto: «In un momento così delicato, dove tutto è ancora incerto, l’amore può essere il motore di un vero cambiamento – dice Nicoletta Mandelli – e noi attori, danzatori, cantanti, musicisti, siamo uno strumento privilegiato per trasmettere l’essenza di questo sentimento. È per questo che gli artisti vanno “protetti”, perché sono la chiave per comprendere la condizione umana. Ogni persona, grazie agli artisti, può avere una visione del mondo e delle cose più aperta e profonda».

«Sarà una serata dove ci si divertirà, ci si emozionerà, ci si potrà anche commuovere ma non mancheranno sane risate. Da Shakespeare a Dante, da Petrolini a Pirandello, passando per Madama Butterfly, la serata – annunciano gli organizzatori – non sarà un semplice susseguirsi di esibizioni ma tutti gli artisti saranno protagonisti di una trama per raccontare l’amore in tutte le sue sfaccettature».

Il Rotary Aid Festival, voluto dal Rotary Club Parchi Alto Milanese e realizzato grazie alla forte volontà del Presidente uscente Raoul Nucci, in collaborazione con la Fondazione Ticino Olona, chiude così con un messaggio di speranza per una ripartenza che non lasci indietro nessuno.

Molto soddisfatto Paolo Scheriani: «Questa esperienza  ha coinvolto più di quaranta artisti nelle tre serate (senza mai dimenticare i tecnici che sono da considerarsi a tutti gli effetti “operatori dello spettacolo”) e ha visto ospiti di fama internazionale, con collegamento oltreoceano del famoso chitarrista Stanley Jordan, la presenza sul palco di Alberto Fortis, per non parlare della serata, che ha visto tra i protagonisti Max Pisu, Enzo Iacchetti, Enrico Beruschi, Flavio Oreglio e Nino Formicola.Un’esperienza  che mi auguro possa diventare un appuntamento che il Rotary Club Alto Milanese ripeta negli anni con finalità sempre nuove».

TEATRO AMORE MIO viaggio nel più forte dei sentimenti umani

Con Paolo Scheriani, Nicoletta Mandelli, Luciano Mastellari, Annalisa Calanducci, Yoko Takada e tanti altri artisti e con l’amichevole partecipazione di Oriella Dorella
Testo e regia Nicoletta Mandelli
Sabato 28 Agosto ore 21.00 Castello Visconteo di Legnano
ingresso euro 10,00

Il Rotary Aid Festival accende l’estate e la solidarietà a Legnano

Il Rotary Aid Festival fa il pieno di risate e solidarietà al Castello di Legnano

 

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 25 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore