Quantcast

Croce Rossa di Legnano, nella pandemia aumentati dipendenti e volontari

Nell'arco del 2020 il personale della Croce Rossa è passato da 28 dipendenti a 42 e gli attuali volontari sono 638, ossia 200 in più rispetto al 2019

Croce Rossa Legnano

Durante l’emergenza sanitaria la Croce Rossa di Legnano ha rafforzato le sue fila. Nell’arco del 2020, infatti, il personale è passato da 28 dipendenti a 42 e gli attuali volontari sono 638, ossia 200 in più rispetto al 2019. «I nuovi arrivi sono persone che durante la pandemia hanno deciso di dare una mano alla comunità dedicandosi all’emergenza urgenza e anche ai servizi di solidarietà organizzati dalla Cri come la distribuzione alimentare – spiega il presidente Luca Roveda -. Intendiamo mantenere questo organico e perchè no… magari rafforzarlo ancora».

«Il 2020 è stato stancante in tutti i sensi – commenta il presidente della Cri legnanese -. È stato un anno intenso durante il quale abbiamo consolidato i nostri obbiettivi. La strada è ben delineata e noi continueremo ad andare avanti migliorando i nostri servizi». I volontari e i dipendenti sono sempre stati in prima linea anche nei momenti più critici della pandemia svolgendo anche servizi di supporto nelle zone più colpite dal Covid-19 come a Bergamo. La Cri ha inoltre collaborato a stretto giro con la Protezione Civile di Legnano e la Polizia Locale attraverso il Coc ed inoltre, attraverso il progetto “Tempo della gentilezza” ha dato ulteriori risposte alle fasce più deboli della città distribuendo i viveri Agea.

L’anno del Covid-19 ha segnato anche una vera rivoluzione per l’associazione di via Pontida che sta lavorando per trasferirsi in una sede ben più ampia, ossia negli ex Magazzini di artiglieria tiro a segno della caserma di Legnano (proprietà del Comune). Nel 2022, se non ci saranno imprevisti, la Croce Rossa di Legnano lascerà il centro per raggiungere la sua nuova casa in viale Cadorna 105. «Un passo importante – speiga Roveda -. Anche il nostro parco mezzi si è ampliato ora contiamo 12 ambulanze: abbiamo bisogno di spazio». Visto il possibile insediamento di Tigros nell’ex Gianazza di Cerro Maggiore, «l’amministrazione di Legnano ci ha segnalato che potrà presentare richieste per migliorare la viabilità. Ciò conferma i buoni rapporti che si sono instaurati con la nuova giunta con la quale stiamo lavorando per favorire anche sotto l’aspetto burocratico questo trasloco».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 08 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore