Quantcast

No a una commissione di inchiesta per Accam, Radice: «C’è già quella sostenibilità»

Nella settimana del 18 gennaio sarà convocata una prima commissione sostenibilità per parlare di questa tematica con la presenza dell'amministratore unico di Amga Valerio Menaldi

Accam Legnano

È stata respinta la mozione presentata dal consigliere del Movimento dei Cittadini, Franco Brumana, per costituire una commissione speciale dedicata ad Accam. L’obiettivo era quello di avvalersi di esperti e di consulenti per svolgere le indagini del caso e conseguire elementi di valutazione chiari e affidabili. «La questione è estremamente grave – ha premesso il consigliere – Accam non ha ancora presentato il bilancio del 2019 e non lo ha fatto perchè dovrebbe presentare il suo stato di insolvenza per malgoverno e malaffare, con un passivo di 18milioni, già aumentato. Amga ha cercato di presentare un piano di salvataggio, strampalato, e ora si stanno cercando soluzioni: il sindaco di Legnano ha chiesto l’intervento di Cap Holding e questo significherebbe trasferire a Legnano i fanghi dei depuratori. Il consiglio comunale sarà chiamato a decidere sulla questione, per questo ritengo indispensabile una commissione di verifica e di controllo che acquisisca documenti e in caso richieda consulenze, per avere una piena conoscenza dei presupposti per decidere».

Il sindaco Lorenzo Radice ha precisato che c’è già la commissione sostenibilità, sede in cui discutere e approfondire il tema dell’inceneritore: «Quella di Accam è una situazione molto complessa – ha risposto Radice -. Per affrontare il tema esiste già la commissione sostenibilità: nella settimana del 18 gennaio faremo una prima convocazione per parlare di questa tematica con la presenza dell’amministratore unico di Amga Valerio Menaldi. Vogliamo avviare un percorso di dialogo sul tema perchè iniziano ad esserci le condizioni per farlo. Prevediamo anche momenti dedicati di confronto tra i consiglieri e i tecnici, coinvolgendo anche le altre amministrazioni, e un terzo step con un’altra commissione sostenibilità dedicata per discutere un indirizzo più politico a inizio febbraio e arrivare preparati ad un consiglio comunale tutto su Accam».

Deluso il consigliere Brumana: «Affidare tutto alla commissione sostenibilità vuol dire soffocare la funzione di indagine, mentre l’indagine è estremamente necessaria – ha replicato Brumana -, Affidare tutto alla commissione sostenibilità, alias bilancio, significa ridurre tutta la questione a un problema patrimoniale ed economico. Mi pare che non ci siamo assolutamente, si vuole limitare l’attività di indagine. E’ una presa posizione di chiusura rispetto ad un confronto che indica la scelta di volere gestire al di fuori del consiglio comunale la scelta su Accam».

La mozione è stata votata con i voti favorevoli delle opposizioni, che hanno appoggiato la proposta avanzata da Brumana, e bocciata dalla maggioranza.

 

 

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore