Quantcast

Servizi solo nel Comune di residenza, Confartigianato Alto Milanese: «Posizione da rivedere»

Una circolare consente gli spostamenti sovracomunali solo laddove non vi siano servizi analoghi nel proprio comune o sia più velocemente raggiungibile l’attività nel comune limitrofo

parrucchiere

«Buongiorno, la mia impresa può rimanere aperta: possono venire i miei clienti anche se residenti fuori dal comune dove svolgo l’attività?» Questa la domanda che molti degli associati di Confartigianato Alto Milanese stanno ponendo all’associazione, dopo la pubblicazione del DPCM 3 novembre. Al centro dei dubbi parrucchieri e barbieri, ma anche carrozzieri, gommisti, orafi, ottici, ecc.

Con l’istituzione della “zona rossa” un grosso freno è stato dato agli spostamenti, anche fra comuni. Numerose le interpretazioni, tra cui quella di Confartigianato Monza, che si sono susseguite, con letture non sempre uniformi anche all’interno degli stessi territori.

DPCM: Il “nodo” dei parrucchieri

Ieri, come sanno i nostri associati, è stata inviata dalla prefettura di Milano una circolare (Qui il testo) che, invitando tutti ad usare il buon senso, ribadisce una visione stringente, consentendo gli spostamenti sovracomunali solo laddove non vi siano servizi analoghi nel proprio comune o sia più velocemente raggiungibile l’attività nel comune limitrofo.

«In un momento di per sé già complicato, impedire ai clienti di raggiungere il proprio artigiano di fiducia è un ulteriore duro colpo alle imprese – così il nostro segretario Giacomo Rossini –, ma capiamo che l’intento della norma è quello di limitare al massimo gli spostamenti per contrastare il diffondersi del virus. Riteniamo, però, che questa posizione del DPCM debba essere rivista o ripensata, in quanto sappiamo che i servizi delle nostre imprese non sono standardizzati, ma contengono quell’unicità che li differenziano gli uni dagli altri. Inoltre, essere autorizzati ad esercitare, ma non poter ricevere i propri clienti e non essere inseriti nel decreto ristori, suona tanto di beffa».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 08 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore