Quantcast

“La ‘ndrangheta non è morta”, altri 11 arresti tra Legnano e Lonate Pozzolo

Il soggetti sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione, estorsione, rapina, spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi da fuoco clandestine ed alterate.

carabinieri generica

Altri 11 arresti legati alla locale di ‘Ndrangheta Legnano-Lonate Pozzolo. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite nel corso della mattinata di oggi, 3 settembre, nelle province di Milano, Varese, Pavia e Reggio Calabria, da parte dei militari del Comando Provinciale di Milano e del Reparto Anticrimine di Milano, con il supporto di unità speciali, cinofile ed elicotteri. I soggetti sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione, estorsione, rapina, spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi da fuoco clandestine ed alterate, tra cui un potente esplosivo, incendio doloso, minaccia aggravata, favoreggiamento personale. Condotte tutte aggravate dal “metodo mafioso” perché commesse al fine di agevolare le attività consortili della locale di ‘ndrangheta di Legnano – Lonate Pozzolo.

L’attività, coordinata dalla DDA di Milano, è la naturale prosecuzione dell’operazione “KriMIsa”, avviata nell’aprile 2017 e culminata nell’esecuzione di 34 provvedimenti cautelari restrittivi eseguiti il 4 luglio 2019, nell’ambito della quale era stato cristallizzato l’avvio del processo di ridefinizione degli assetti organizzativi delle famiglie di ‘ndrangheta che compongono la locale di Legnano-Lonate Pozzolo collegata alla cosca Farao-Marincola egemone a Cirò Marina. Gli investigatori avevano documentato la ramificata infiltrazione negli apparati istituzionali locali ed il condizionamento delle ultime elezioni amministrative nel comune di Lonate Pozzolo.

INFILTRAZIONI NELLE ISTITUZIONI –Le indagini eseguito il 3 settembre, ulteriormente avvalorate dal contributo delle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, hanno consentito non solo di confermare l’assoluta pervasività dell’associazione mafiosa negli apparati pubblici e nelle amministrazioni locali ma hanno permesso di documentare il potere delle cosche di ‘Ndrangheta anche in territorio estero confermandone ancora una volta la vocazione transnazionale.

In particolare è stata ricostruita l’attività di favoreggiamento a favore dell’associazione mafiosa commessa da un consulente esterno della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, già colpito da provvedimento cautelare il 4 luglio 2019 per altri reati. L’indagato, in qualità di titolare di un’agenzia investigativa attraverso la quale fungeva anche da consulente tecnico dell’ufficio giudiziario varesino, effettuava più “bonifiche” a favore di un autorevole esponente della locale di “Legnano-Lonate Pozzolo” finalizzate al rintraccio di microspie, gps e telecamere installate dalla Polizia Giudiziaria. L’uomo forniva, inoltre, periodicamente informazioni su indagini in corso ed indicazioni tecniche e cautele da adottare per eludere le attività investigative.

Nell’indagine è coinvolto anche un funzionario ANAS accusato di corruzione a favore di un appartenente alla associazione mafiosa. Il funzionario infatti, intervenuto sul cantiere dell’impresa riconducibile ad uno dei sodali della locale di ‘ndrangheta, pur accertando l’assenza dei permessi necessari all’occupazione della carreggiata della SS 341 del Comune di Vanzaghello, aveva annullato i verbali di accertamento, inizialmente elevati, in seguito all’intervento dell’affiliato. Il geometra dell’ANAS, inoltre, non solo aveva attestato una falsa giustificazione lecita al cantiere privo di permessi ma si era messo a completa disposizione per garantire con la propria presenza il completamento dei lavori. A fronte della propria condotta corruttiva, il funzionario aveva accettato dall’appartenente alla cosca la promessa di un escavatore.

ESTORSIONI A MALTA – Cristallizzata infine  una violenta attività di estorsione effettuata a Malta nel gennaio 2020 da parte di un gruppo di indagati diretta espressione della famiglia di Vincenzo Rispoli, storico capo della locale di “Legnano – Lonate Pozzolo”, tra i quali figura anche una donna, figlia di Vincenzo Rispoli. In particolare, dall’attività tecnica è emerso che gli indagati avevano svolto un’attività lavorativa “in nero” in alcuni cantieri edili presenti in  varie località della Repubblica di Malta a favore di un imprenditore italiano. Tuttavia, il mancato pagamento degli emolumenti concordati ha fatto scattare una vera e propria “spedizione punitiva” in territorio maltese attraverso la quale l’imprenditore è stato individuato e picchiato selvaggiamente costringendolo a versare quanto preteso sia in contanti che tramite bonifici bancari. L’estrema violenza consumata dagli indagati nel territorio maltese serviva non soltanto a punire l’imprenditore inadempiente ma a confermare, anche in territorio straniero, che “la ‘ndrangheta non è morta”, come uno degli stessi indagati ha ribadito nel corso di una conversazione intercettata. Le numerose evidenze raccolte in fase investigativa non hanno lasciato alcun dubbio sulla piena riconducibilità della condotta estorsiva nell’interesse della ‘ndrangheta lonatese e cirotana consentendo di confermare, ancora una volta, la piena ed attuale operatività della Locale “Legnano-Lonate Pozzolo”.

La complessità delle indagini coordinate dalla DDA di Milano, inoltre, ha consentito di documentare rapporti e condotte illecite di due Ufficiali della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni di Ferno e Lonate Pozzolo (indagati ma non destinatari di provvedimenti coercitivi), funzionali a favorire un esponente dell’associazione mafiosa attraverso l’illecita rivelazione di controlli ispettivi ai cantieri. Sono ancora in corso le attività di perquisizione a carico degli indagati anche nella sede comunale

Risulta, pertanto, documentata, ancora una volta, la capacità dell’associazione mafiosa ‘ndrangheta di permeare apparati istituzionali, nonchè la benevola accondiscendenza dei funzionari pubblici ad asservire i propri doveri istituzionali agli scopi dell’organizzazione criminale.

Nello stesso contesto investigativo, inoltre, sono stati individuati  luoghi e i soggetti deputati alla custodia della dotazione di armi della locale (consentendo il sequestro complessivo di 10 chili di esplosivo ad alto potenziale Tutagex 821; 4 pistole ed un fucile a canne mozze tutti con matricola abrasa, silenziatori e centinaia di munizioni); sono stati individuati gli autori di un incendio doloso commesso nel 2016 ai danni di un’attività imprenditoriale sita in Lonate Pozzolo e  ricostruite le attività di spaccio di stupefacenti non censurate dal precedente provvedimento cautelare. Nel corso dell’Operazione sono stati eseguiti anche sequestri preventivi di beni e società per un valore complessivo di circa 500 mila euro.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 03 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore