Legnano ha dato l’estremo omaggio alla staffetta partigiana Piera Pattani

La cerimonia funebre oggi pomeriggio, sabato 23 maggio, nella chiesa del Santo Redentore, dove Ernestina Piera Pattani è stata ricordata da tanti amici e anche semplici cittadini

Generico 2018

Commosso e sentito omaggio all’ultima staffetta partigiana. La cerimonia funebre oggi pomeriggio, sabato 23 maggio, nella chiesa del Santo Redentore, dove Ernestina Piera Pattani, scomparsa all’età di 93 anni a causa del coronavirus, è stata ricordata da tanti amici e anche semplici cittadini. Sulla bara, davanti all’altare, una confezione di fiori con i colori rosso, bianco e verde, sulla quale era appoggiato un fazzoletto con il simbolo dell’ANPI. Accanto il gonfalone del Comune e quello dell’ANPI. Proprio nelle prime file, oltre ai parenti, il presidente dei partigiani legnanesi, Primo Minelli, e il past presidente Luigi Botta. Tra i presenti l’ex sindaco Alberto Centinaio (che nel 2013 aveva assegnato la benemerenza civica a Piera) e il candidato sindaco Lorenzo Radice.

«Di fronte a figure di questo spessore – ha affermato nell’omelia il parroco don Stefano Valsecchi – ci sentiamo tutti piccoli. Sono quattro le parole con le quali voglio ricordare la signora Ernestina: resistenza per la capacità di sopportare la difficoltà, resilienza per la forza di assorbire l’urto che ci spiazza, creatività per l’abilità di saper trovare sempre una soluzione, coraggio per mettersi in prima fila. Vorrei anche ricordare il pensiero del presidente Mattarella quando afferma che noi siamo l’eredità di coloro che hanno costruito anche con la perdita della loro vita la nostra libertà».

«Cara Piera, te ne vai lasciandoci un testamento che come ANPI onoreremo: far conoscere la storia della Resistenza a Legnano – un passo del saluto di Primo Minelli, presidente ANPI Legnano -. Dicevi sempre che avresti rifatto tutto di nuovo, anche se poi aggiungevi con un pizzico di amarezza “ l’Italia che sognavamo non è questa”. Alla tua ANPI alla tua CGIL volevi bene e anche nei momenti di sconforto trovavi sempre parole di speranza. Ciao Piera ci mancherai. Mancherai alla città, mancherai all’ANPI, ma noi terremo alta la tua memoria. Mancherai alla tua famiglia, ma sappiano che hanno avuto una donna stupenda di cui andare orgogliosi».

Generico 2018

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 23 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore