Quantcast

Basilica San Magno, ecco il restauro della volta cinquecentesca

Con un video registrato durante i lavori alla volta, inauguriamo la rubrica "Dentro il cantiere della Basilica"

In occasione dei lavori di restauro alla volta della Basilica di San Magno inauguriamo la rubrica "Dentro il cantiere della Basilica" finalizzata a raccontare, valorizzare e promuovere il delicato intervento che riporterà all'antico splendore la chiesa cinquecentesca di Legnano. 

Questa settimana siamo entrati all'interno della basilica, chiusa al pubblico fino a venerdì 14 febbraio per permettere di effettuare una serie di sondaggi e di verifiche su alcune fessurazioni che si sono notate all'interno della volta. L'opera, spiega l'architetto Luigi Terrenghi, permetterà di verificare la consistenza e l'entità di questi dissesti e di intervenire di conseguenza. 

[pubblicita]      A CHE PUNTO SIAMO – Proseguono nel frattempo i lavori principali all'esterno della basilica dove il cantiere è partito nel mese di ottobre con l'allestimento del ponteggio. E' stato eseguito il primo intervento di pulitura della superficie, sia dell'intonaco che delle superfici in cotto e delle parti in pietra. «Quella della pulitura – spiega l'architetto –  è la fase più delicata proprio perchè è una procedura che diventa irreversibile se portata troppo avanti: bisogna sapere cosa togliere, cosa pulire e quali patine rimuovere».

L'OBIETTIVO – L'obiettivo è quello di bloccare gli elementi patologici che in maniera naturale si posano  sulle superfici per conservare il monumento e le superfici stesse il più a lungo possibile. E' prevista anche la ricorsa del manto di copertura mantenendo lo stesso manto e gli stessi coppi antichi, riposizionandoli in modo che non oscillino verso il basso. Tutte le superfici esterne saranno oggetto di restauro. «La filosofia – spiega l'architetto – è quella di intervenire per tempo evitando che gli elementi di dissesto diventino troppo gravi. In questo modo il restauro non risulta invasivo e consente di conservare la parte originaria della basilica».

TEMPI – L'impalcatura della facciata sarà smontata per Pasqua 2020 e a nel luglio 2020 la chiesa sarà completamente liberata dall'impalcatura.

Per finanziare il progetto, la parrocchia di San Magno, con un comitato, ha lanciato il progetto Anche io Restauro San Magno coinvolgendo la cittadinanza. 

CONTRIBUISCI AL RESTAURO, VALORIZZA IL TUO IMPEGNO DI LEGNANESE CON L'ADESIONE AL PROGETTO CHE RESTITUIRA' LA BASILICA AL SUO ORIGINALE SPLENDORE


L'intervista all'architetto Luigi Terenghi 

 

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 11 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore