Quantcast

Al’Istituto Ada Negri di Magnago e Vanzaghello le scarpe esauste si riciclano

Grazie a Esosport le scarpe esauste hanno una destinazione diversa dalla discarica. Le scarpe raccolte vengono trasformate , con un apposito procedimento, in pavimentazione antitrauma per parchi giochi e piste di atletica

riciclo

Approda anche all’Istituto Comprensivo “Ada Negri” di Magnago e Vanzaghello il progetto “Esosport run”, primo e unico progetto di riciclo di scarpe sportive in Italia.

Grazie a Esosport le scarpe esauste hanno una destinazione diversa dalla discarica. Le scarpe raccolte vengono trasformate , con un apposito procedimento, in pavimentazione antitrauma per parchi giochi e piste di atletica.

L’Educazione Ambientale è molto importante e come genitori eletti nel Consiglio di Istituto abbiamo ritenuto importante sensibilizzare i bambini e i ragazzi delle scuole sull’importanza dello sviluppo sostenibile e della tutela ambientale, creando consapevolezza che la raccolta differenziata, il riciclo e il riuso costituiscono facili accorgimenti quotidiani per risolvere problemi di inquinamento ambientale.

Per questo motivo abbiamo proposto il Progetto Esosport, subito accolto con entusiasmo dalla dirigenza scolastica. Esosport è l’unico progetto italiano che prevede la raccolta e riciclo delle scarpe, siano esse sneakers, scarpe da running o anche infradito; l’importante, per il processo di riciclo, è che la suola sia in gomma.

Le scarpe raccolte, vengono trasportate all’impianto di triturazione, dove il materiale viene trasformato. L’impianto per il riciclaggio è in grado di ottenere, a partire dalla gomma delle scarpe, materia prima secondaria in diverse granulometrie. Il materiale viene triturato e ridotto in pezzatura fino a raggiungere una granulometria uniforme che viene così suddivisa: 0÷2 mm e 2÷4 mm. Con il materiale granulare, ottenuto dalla triturazione, si possono realizzare pavimentazioni antitrauma per i parchi giochi dei bambini: il materiale è particolarmente adatto a questo tipo
di utilizzo grazie alle sue caratteristiche tecniche.

Il progetto è stato ideato nel 2009 da Nicolas Meletiou, managing director di “Eso”, azienda lombarda che da cinque anni si è trasformata in società benefit con l’obiettivo di promuovere l’economia circolare e la cultura del riciclo, applicandola in particolare alle scarpe sportive che non si utilizzano più.

Il primo contenitore in cartone reciclato, Esosport box, è stato installato presso la scuola secondaria Don Milani di Magnago e presto saranno attivi ulteriori contenitori in tutte le sedi dell’Istituto Comprensivo.

«Come genitori appartenenti al consiglio di istituto – commentano – siamo veramente felici dell’avvio di tale progetto che rappresenta un chiaro e coinvolgente esempio di economia circolare e invitiamo tutti i genitori di Magnago, Bienate e Vanzaghello ad sensibilizzare e coinvolgere i
propri figli nella raccolta e nel riciclo di tale risorsa. Imparare a riciclare non ha età… rispettare l’Ambiente, significa rispettare anche noi stessi e
il nostro futuro!»

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore