Quantcast

La stazione di Parabiago si illumina di viola per la Giornata mondiale della fibromialgia

Parabiago ha illuminato la stazione di viola per sensibilizzare l'opinione pubblica rispetto alla fibromialgia, patologia ancora troppo spesso "invisibile"

stazione parabiago fibromialgia

Stazione illuminata di viola a Parabiago nella serata di giovedì 12 maggio. Piazza della Vittoria ha deciso di “colorare” a tinte viola la stazione ferroviaria della città per rendere tangibile l’adesione alla campagna lanciata in occasione della Giornata mondiale della fibromialgia.

La fibromialgia, caratterizzata da dolori muscolari diffusi associati ad affaticamento, rigidità, problemi di insonnia, di memoria e alterazioni dell’umore, è una patologia che colpisce circa 2 milioni di italiani per la quale al momento non esiste una vera e propria cura, anche se i farmaci e la riduzione dello stress possono aiutare ad alleviare i sintomi.

La campagna cui ha aderito Parabiago promossa dall’AISF, l’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica, ha riproposto su tutto il territorio nazionale l’iniziativa “Illuminiamo la Fibromialgia” proponendo di illuminare di viola piazze, edifici e monumenti in tutta Italia per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di chi soffre di questa patologia.

Sempre da Parabiago negli anni scorsi erano già partite diverse iniziative per accendere i riflettori rispetto a quella che ad oggi troppo spesso è ancora una patologia “invisibile” come la fibromialgia ad opera dell’allora consigliere comunale Christian Vitali, che nel 2018 aveva percorso 600 chilometri da Pavia a Roma lungo la via Francigena e l’anno seguente aveva fatto il bis camminando per altri 600 chilometri da Lisbona fino a Santiago de Compostela lungo il cammino portoghese dell’entroterra.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 13 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore