Quantcast

Imprenditore di Parabiago ai domiciliari per bancarotta fraudolenta: oltre 1 milione di euro di contributi non pagati

L'imprenditore non aveva pagato i contributi ai lavoratori ed ha emesso fatture per operazioni inesistenti per un importo pari a 700.000 euro

Guardia di finanza -GENERICA

Ai domiciliari un imprenditore di Parabiago che non ha pagato i contributi ai lavoratori ed ha emesso fatture per operazioni inesistenti per un importo pari a 700.000 euro. I militari della Guardia di Finanza di Legnano, nell’ambito dell’operazione “Empties Company”, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Busto Arsizio nei confronti del parabighese che aveva un piccolo gruppo di imprese: realtà che lavoravano per aziende di calzatura di alta moda. Le accuse sono per reati fallimentari, fiscali, falso in bilancio e ricorso abusivo al credito.

Le Fiamme Gialle hanno anche eseguito un decreto finalizzato alla confisca delle disponibilità finanziarie dell’indagato, dei beni immobili e mobili a lui intestati per un valore di oltre 70.000 euro, relativo all’imposta evasa ai fini fiscali. Le indagini, coordinate dalla Procura di Busto Arsizio, sono state avviate a seguito dalle denunce presentate da ex dipendenti di due imprese del settore calzaturiero, poi fallite, contro l’amministratore delle società, per omesso versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali e delle imposte e per presunta emissione di fatture per operazioni inesistenti. Sono state accertate la distruzione e l’omissione di scritture contabili obbligatorie, distrazioni di ricavi e di cassa per oltre 2,5 milioni di euro, l’indebitamento, per via del mancato pagamento all’erario, agli enti previdenziali e ai dipendenti, per oltre 1 milione di euro, l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per 700.000 mila euro, falso in bilancio e ricorso abusivo al credito, per un totale di anticipo indebitamente ricevuto da un Istituto di credito di oltre 50.000 euro.

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore