Quantcast

Confermata in appello la condanna a 4 anni per l’ex-dipendente Stie che picchiò il suo superiore

Anche la Corte d'Appello ha ritenuto si sia trattato di un tentato omicidio, l'aggressione avvenuta nel 2017 ai danni del dirigente della società di trasporti di Busto Arsizio

Stie

Regge in appello la condanna a 4 anni per tentato omicidio, nei confronti dell’ex-dipendente della Stie che mandò in coma un suo superiore colpendolo con un pugno. Il fatto avvenne nel 2017 nell’ufficio del dirigente, nella sede di Busto Arsizio. L’aggressione violentissima costò alla vittima settimane di coma e cure per le lesioni al volto.

L’avvocato dell’imputato, Davide Toscani, ha provato anche questa volta a chiedere la derubricazione del reato in lesioni gravi, convinto che si sia trattato di un momento d’ira da parte del suo assistito che non aveva intenzione di uccidere. Una volta lette le motivazioni dei giudici della Corte d’Appello valuterà se ricorrere in Cassazione.

Lite nel deposito Stie, dirigente in coma

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 17 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore