Quantcast

Figlio violento evade dai domiciliari, arrestato mentre ruba un’auto a Inveruno

L'uomo, un 32enne originario di Nerviano, è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia di Legnano a Inveruno nella notte tra il 20 e il 21 agosto

carabinieri generica

Prima sfoga la rabbia nell’abitazione del padre, dove si trovava ai domiciliari, poi scappa e tenta di rubare un’auto. L’uomo, un 32enne originario di Nerviano, è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia di Legnano a Inveruno nella notte tra il 20 e il 21 agosto. 

I militari erano stati allertati poco prima della mezzanotte del 20 agosto quando in comando era arrivata la chiamata di un 63enne che lamentava di non riuscire a contenere il figlio in preda ad una crisi di rabbia.

La centrale Operativa di Legnano ha subito inviato due pattuglie: una, più vicina, è arrivata subito davanti all’abitazione vicino a Via Palestro. L’altra, del Comando della Stazione di Busto Garolfo, è stata inviata in supporto per aiutare la vittima, evidentemente in difficoltà. All’arrivo dei Carabinieri a casa, però, il figlio non era già più presente. L’abitazione è stata trovata completamente a soqquadro, con numerosi oggetti rotti ed  in frantumi: all’interno c’era il solo 63enne evidentemente trafelato e provato.

La fuga del figlio violento è però durata poco. A sorprenderlo sono stati i Carabinieri di Busto Garolfo: mentre percorrevano via Como, a Inveruno, i militari lo hanno trovato ad armeggiare dentro una vecchia Renault Twingo, parcheggiata in strada con il vetro sfondato. I carabinieri sono riusciti a bloccarlo e a impedirne la fuga.

La pattuglia che si trovava nell’abitazione dove è avvenuta la lite ha subito verificato che l’uomo fermato era effettivamente il figlio dell’uomo aggredito che che si trovava nella casa del genitore ai domiciliari. Allontanandosi era quindi evaso.

L’uomo è stato portato al Comando Compagnia di Legnano per essere sottoposto ai rilievi fotosegnaletici e dove è stato tenuto nelle celle del comando in attesa della convalida dell’arresto avvenuta nella giornata di oggi, 21 agosto. La proprietaria dell’auto, chiamata, ha presentato denuncia per i danni subiti.

In serata, l’arresto è stato convalidato e il 32enne è stato rimandato ai domiciliari.  Si è appreso che l’uomo era stato arrestato a febbraio a Parabiago per rissa e lesioni. Insieme al fratello aveva picchiato con alcuni arnesi un’altra persona.

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore