Quantcast

Scuola dell’Infanzia a Magnago: “Non è con le barricate che si costruiscono protocolli di tutela dei lavoratori”

Così l'amministrazione comunale che ha aperto un dialogo con i sindacati, chiedendo che rientri lo stato di agitazione

scuola infanzia magnago

L’Amministrazione comunale di Magnago ha chiesto ed avviato un incontro con il sindacato per affrontare con concretezza le tutele attuabili in favore del personale della scuola dell’infanzia, ove la procedura in corso si concluda con l’individuazione di un nuovo gestore.

L’incontro dello scorso 28 giugno ha portato a calendarizzare una serie di incontri già dalla prossima settimana; “Ho sempre sostenuto – commenta il sindaco – che l’amministrazione comunale ha ed avrà la giusta attenzione per il personale della scuola dell’infanzia; non è con le barricate né con l’esasperazione delle criticità che si costruiscono protocolli di tutela dei lavoratori, ma bensì con il confronto, l’ascolto e la comune volontà di un unico obiettivo, e a ciò noi ci siamo sempre attenuti”.

“I sindacati hanno così condiviso questa strada che è l’unica sempre voluta dall’Amministrazione comunale che non ha mai chiuso in faccia la porta a nessuno, ma è sempre stata disponibile ad un leale e costruttivo confronto – prosegue il sindaco – . Da subito abbiamo ribadito che per famiglie e lavoratori il possibile cambiamento non porterà sconvolgimento ma miglioramento, e così sarà. Ho chiesto che lo stato di agitazione, proclamato dalla sigla sindacale FP CGIL Ticino Olona, rientri, quale concreto segnale di voler costruire percorsi di tutela e garanzia e non mera esasperazione e strumentalizzazione di scelte legittime della pubblica amministrazione; ad oggi tale misura non è stata ancora adottata”.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore