Quantcast

Rescaldina tende la mano a imprese e commercianti e pensa all’acquisto dei crediti di imposta

Rescaldina valuta l'ipotesi di dare supporto finanziario a imprese, commercianti, agricoltori, artigiani e professionisti acquistando crediti e detrazioni di imposta

tasse soldi pagamento

Rescaldina tende la mano al comparto produttivo del paese e valuta l’ipotesi di dare supporto finanziario a imprese, commercianti, agricoltori, artigiani e professionisti acquistando crediti e detrazioni di imposta per poi compensarli con i debiti previdenziali e tributari verso l’erario. La proposta è arrivata dal Movimento 5 Stelle, che durante l’ultima seduta del consiglio comunale cittadino ha presentato una mozione proprio per chiedere alla giunta di approfondire questa possibilità, ed è stata approvata all’unanimità.

«Il complesso panorama delle agevolazioni fiscali varate negli ultimi mesi per le imprese contiene anche opportunità di sostegno al sistema produttivo da parte degli enti locali, come l’acquisto di crediti e detrazioni di imposta – ha sottolineato il capogruppo del M5S, Massimo Oggioni -. Per le aziende uno dei principali problemi del credito di imposta è quello della sua trasformazione in pronta liquidità: il comune può dare un grande aiuto a imprese, commercianti ed artigiani per risolvere questo problema e trasformare le agevolazioni fiscali Covid-19 in denaro contante. L’ente comunale può adottare misure a supporto delle categorie produttive attraverso l’acquisto dei crediti di imposta, ma anche delle detrazioni d’imposta, al valore nominale, quindi senza i costi che le banche applicano alle imprese. L’ente potrà facilmente e rapidamente compensare i crediti di imposta acquistati con la compensazione dei suoi debiti previdenziali e tributari verso l’erario».

La mozione a cinque stelle ha incassato il sostegno sia del centrodestra, sia dell’amministrazione. «Quello della cessione del credito è uno strumento che certamente merita di essere approfondito nelle sue diverse sfaccettature e applicazioni per comprendere nel modo più esaustivo possibile le sue caratteristiche ma soprattutto le sue implicazioni sul comune per valutarne la fattibilità nella nostra realtà – ha concordato l’assessore a bilancio, finanze e tributi Francesco Matera -. Nel suo spirito questo strumento ha delle caratteristiche che riteniamo particolarmente interessanti, una su tutte quella di sganciare l’ottenimento della liquidità dal sistema bancario e creditizio che, oltre ad essere oneroso per chi la richiede, compie nell’analisi di fattibilità e nella determinazione del prezzo del servizio valutazioni che rientrano esclusivamente nella sfera economico-privatistica e non nella sfera di tipo sociale e collettivo».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 13 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore