Quantcast

Violenza domestica, Parabiago incontra il centro Ankyra per la tutela di ogni genere ed età

Gli assessori Elisa Lonati e Barbara Benedettelli si sono confrontate con il centro antiviolenza Ankyra per avviare un percorso che dia sostegno a tutte le vittime di violenza, di ogni genere ed età

incontro parabiago centro ankyra

Parabiago a confronto con il Centro antiviolenza Ankyra di Milano per tutelare i cittadini di ogni genere ed età contro la violenza domestica, un fenomeno che può riguardare qualsiasi persona. All’incontro hanno preso parte l’assessore alle politiche sociali Elisa Lonati, l’assessore alla cultura e sicurezza Barbara Benedettelli, la presidente del centro Patrizia Montalenti, l’avvocato Veronica Coppola e l’assessore alle pari opportunità Antonella Baiocchi e la consigliera comunale Brunilde Crescenzi di San Benedetto del Tronto, dove il comune ha voluto e patrocinato l’apertura del Centro Catdm, dedicato all’ascolto degli uomini vittime di violenza all’interno delle relazioni intime.

«Nell’ambito tragico della violenza domestica – sottolinea l’assessore Elisa Lonati – manca, a livello nazionale, la risposta a un bisogno di tutela per alcune categorie di persone. Mi riferisco soprattutto alla quasi inesistenza di strutture in grado di dare risposte concrete quando le vittime sono uomini o persone omosessuali.  Questo significa che, mentre per le donne vittime di violenza operano associazioni, cav, case protette e fondi, per gli uomini e le persone omosessuali, c’è davvero poco e questo crea disorientamento in situazioni già difficili di per sé e che avrebbero bisogno, invece, di aiuto e ascolto. L’esperienza di San Benedetto del Tronto fa eccezione ed è sorprendente riscontrare, in modo inaspettato, il numero elevato di uomini che chiedono aiuto. Partendo da questo bisogno, come amministrazione, ci siamo interrogati e intendiamo attivarci per dare risposta a un vuoto che nel 2021 è necessario e doveroso colmare».

«La violenza domestica è un fenomeno spesso silenzioso che non sempre lascia segni evidenti all’esterno – aggiunge l’assessore Barabara Benedettelli -. Così come non sempre è riconosciuta come tale dalle stesse vittime. Grazie al grande lavoro
fatto negli ultimi anni dalla politica, dalle associazioni e dagli attivisti le donne hanno sempre maggiore consapevolezza nell’individuare le diverse forme di violenza e la possibilità di chiedere tutela. Così non è per gli uomini che subiscono lo stesso trattamento all’interno delle relazioni intime, fenomeno che sta emergendo sempre di più ma verso il quale non ci sono ancora risposte concrete da parte della società civile e della politica. Lo stesso problema è presente per la violenza nelle coppie omosessuali, altro fenomeno sommerso che richiede attenzione. Riteniamo di vitale importanza informare e avviare nuovi percorsi affinché tutte le vittime possano emergere dall’oscurità, anche culturale, e riconoscersi come tali per avviare il percorso di uscita dalla relazione malata».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 05 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore