Quantcast

Parabiago, rinnovata la convenzione con Villa Corvini per InformaGiovani e InformaLavoro

Nel 2020 grazie al servizio 33 inserimenti in tirocini e primi contratti di lavoro e assistenza a 79 persone. Una settantina gli adulti che si sono rivolti al centro

villa corvini parabiago

Anche per il 2021 a Parabiago InformaGiovani e InformaLavoro troveranno “casa” a Villa Corvini: il comune in questi giorni ha firmato la convenzione che conferma la collocazione del centro di coordinamento dei due servizi in via Santa Maria anche per il nuovo anno.

Nato come centro per la raccolta dei bisogni giovanili, InformaGiovani è rapidamente diventato un punto di riferimento per trovare informazioni in materia di formazione, lavoro, tempo libero e opportunità di partecipazione sociale. E negli anni ha ulteriormente allargato i propri orizzonti: sempre più spesso, infatti, a Villa Corvini si sono rivolti anche lavoratori adulti non qualificati, persone che si ritrovano improvvisamente senza lavoro e hanno la necessità di riqualificarsi. Così il servizio ha cambiato volto per rispondere alla domanda, diventando InformaGiovani – InformaLavoro.

«L’InformaGiovani, per volere dell’amministrazione, acquista la doppia denominazione ufficiale di InformaGiovani – InformaLavoro – spiega l’assessore alle politiche sociali Elisa Lonati -. Questo perché il compito di un’amministrazione comunale è quello di offrire servizi su dati di realtà per rispondere ai bisogni dei cittadini e il dato di realtà è che la platea di utenti, ad oggi, supera oramai le distinzioni per età. Al servizio tradizionale dell’InformaGiovani, quindi, si affianca quello rivolto alla fascia di età adulta sviluppando azioni comuni e costruendo sinergie con l’ente accreditato per i servizi al lavoro che opera in Villa Corvini. Rinnovare e implementare questa collaborazione acquista maggior valore in questo periodo storico di crisi legata al Covid-19, poiché il saper fare rete in termini di formazione e riqualificazione professionale, è essenziale per la ricollocazione nel mercato del lavoro e necessario per una ripartenza del tessuto sociale».

Nel 2020 attraverso il servizio ci sono stati 33 inserimenti in tirocini e primi contratti di lavoro e 79 persone sono state assistite nella ricerca di lavoro, nell’orientamento e nella stesura del curriculum. Gli adulti che si sono rivolti al centro sono invece stati una settantina. Numeri per i quali è facile prevedere una crescita nei prossimi mesi, soprattutto per quanto riguarda gli adulti che hanno perso il posto di lavoro.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 24 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore