Quantcast

Reddito di cittadinanza, da gennaio percettori “al lavoro” a Cerro Maggiore

L'amministrazione punta ad attivare i primi otto progetti di utilità collettiva per una trentina di percettori di reddito di cittadinanza entro gennaio

reddito di cittadinanza

Cerro Maggiore “mette al lavoro” chi percepisce il reddito di cittadinanza. In paese sono un centinaio i cittadini che beneficiano della misura di sostegno, e una trentina verranno coinvolti nei primi otto progetti utili alla collettività che il comune punta ad attivare entro gennaio, cui potrebbero aggiungersene altri grazie agli input delle realtà del Terzo Settore. Il comune, infatti, ha la possibilità di procedere ad una gestione associata di questi progetti con enti del Terzo Settore, ed è proprio quello che Palazzo Dell’Acqua punta a fare grazie all’avviso pubblicato a metà ottobre per raccogliere le “candidature” di realtà interessate a proporre attività in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo o di tutela dei beni comuni.

La questione è sbarcata tra i banchi del consiglio comunale cittadino durante l’ultima seduta grazie ad un’interrogazione del Movimento 5 Stelle, che proprio a fronte dell’approvazione in giunta dell’avviso per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte delle realtà del Terzo Settore interessate ai progetti di pubblica utilità ha chiesto conto alla giunta di quali progetti siano stati predisposti. «Il reddito di cittadinanza prevede per i beneficiari la sottoscrizione di un patto per il lavoro o di un patto per l’inclusione sociale – ha sottolineato il capogruppo, Edoardo Martello -. All’interno di tali patti è prevista, per i tenuti agli obblighi, la partecipazione a progetti utili alla collettività, che sono da intendersi come attività di restituzione sociale per coloro che ricevono il beneficio del reddito di cittadinanza e rappresentano un’occasione di inclusione e di crescita per i beneficiari e per la collettività»

I progetti «gestiti direttamente dal comune che stanno per essere avviati sono otto – ha spiegato il sindaco, Nuccia Berra -. Si vuole migliorare la viabilità facendo sostituire la cartellonistica ammalorata e garantire maggiore sicurezza sanitaria all’ingresso e all’uscita dalle scuole con la verifica del mantenimento del distanziamento sociale. Vista la scarsa partecipazione ai bandi del servizio civile e leva civica, inoltre, si cercherà di potenziare il trasporto sociale e il servizio di accompagnamento e compagnia per le persone anziane e fragili. Si vuole inoltre migliorare l’igienizzazione degli spazi comunali, potenziare la sorveglianza negli accessi alle sedi comunali, migliorare il decoro urbano facendo svuotare più spesso i cestini e sostituire i sacchetti, migliorare la pulizia degli spazi gioco con l’igienizzazione e migliorare la pulizia delle strade con verifiche delle caditoie».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 02 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore