Quantcast

Telefono gentile, spesa e farmaci: Rescaldina e Croce Rossa unite contro il virus

Il Comune di Rescaldina e la Croce Rossa di Legnano lanciano una serie di servizi ed iniziative per aiutare il paese ad affrontare l'emergenza sanitaria

Croce Rossa di Legnano

Spesa e farmaci a domicilio, generi alimentari a chi è in condizioni socio-economiche precarie e un “Telefono gentile” per dare conforto a chi sta soffrendo di più la rivoluzione della vita quotidiana imposta dalla pandemia: il comune di Rescaldina e la Croce Rossa di Legnano fanno squadra per aiutare cittadini e famiglie in difficoltà e per tendere una mano al paese, chiamato come tutta Italia a stringere i denti per uscire dalla morsa dell’emergenza sanitaria.

A breve sarà infatti attiva una rete per la distribuzione di pacchi di viveri rivolta alle famiglie che si trovano in condizioni di fragilità socio-economica, su segnalazione dall’ufficio Servizi Sociali di Piazza Chiesa, e verrà intensificata la consegna a domicilio di spesa e farmaci per chi è in quarantena per aver contratto il coronavirus o per essere entrato in contatto con persone poi rivelatesi positive al virus, per gli anziani over 65 e per i diversamente abili che necessitino di assistenza. Per usufruire del servizio si potrà telefonare ogni giorno a partire dalle 9 al comitato CRI di Legnano ai numeri 0331.456111 o 334.6050887. Per provare a rimanere vicino anche a distanza a chi sta risentendo di più dei risvolti psicologici della pandemia, è stato anche esteso l’orario di servizio del “Telefono gentile”: ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17 si potrà rivolgersi ai numeri 334.6050882 e 334.6050883 per raccontare pensieri e preoccupazioni o semplicemente per condividere stati d’animo.

«Questa è solo l’ennesima dimostrazione della collaborazione che lega la Croce Rossa legnanese e il Comune di Rescaldina – sottolinea l’assessore ai servizi sociali Enrico Rudoni -, come per la stipulazione della convenzione che affidava in uso gratuito i locali nello stesso stabile dove i medici associati del poliambulatorio prestavano servizio. In un primo momento, questo spazio veniva utilizzato come presidio medico, grazie alla presenza di un automezzo di soccorso, successivamente è stato convertito in base logistica per lo sviluppo di progetti sociali a sostegno della comunità locale e territoriale».

Soddisfatto anche il presidente della Croce Rossa di Legnano, Luca Roveda, che confida nella positività di questa ulteriore collaborazione: «Da sempre abbiamo mantenuto ottimi rapporti con il comune di Rescaldina, nel pieno interesse e benessere
della popolazione».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore