Quantcast

Cerro Maggiore “candida” il centro sportivo di via Asiago al “Bando Sport e Periferie”

Il progetto candidato dal Cerro Maggiore al "Bando Sport e Periferie" prevede un nuovo campo da calcio a 11 e di due campi da calcio a cinque al centro sportivo di via Asiago

centro sportivo via asiago cerro maggiore

Cerro Maggiore “candida” il centro sportivo di via Asiago al “Bando Sport e Periferie”, con il quale il Governo selezionerà e finanzierà progetti per la «realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi finalizzati all’attività agonistica, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane, la diffusione di attrezzature sportive con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali esistenti e il completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti da destinare all’attività agonistica nazionale e internazionale».

La giunta di Nuccia Berra, nell’ottica di procedere «ad una molteplicità di azioni per la riqualificazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi» comunali, ha deciso di proporre alla Presidenza del Consiglio dei Ministri un progetto da poco meno di un milione di euro per il restyling del centro di via Asiago. Progetto che comunque richiederà un intervento economico anche da parte di Palazzo Dell’Acqua dato che il contributo massimo che arriverà da Roma è pari a 700mila euro.

Il centro sportivo al momento è composto da un campo da calcio a 11 omologato per l’attività agonistica della Lega Nazionale Dilettanti e del Settore Giovanile Scolastico, un secondo campo di dimensioni superiori con tribuna e illuminazione notturna, due palazzine – una dedicato agli spogliatoi e uno dove si trovano l’alloggio del custode, il locale bar, un locale riunioni, la biglietteria e altri spogliatoi -, tribune e il cosiddetto “Tendino”, ovvero una tensostruttura riscaldata destinata ad attività sportive e ricreative.

Il progetto sposato dall’amministrazione prevede la realizzazione di un nuovo campo da calcio a 11 omologato al posto di quello esistente e di due nuovi campi da calcio a cinque in erba sintetica con illuminazione a LED, di cui uno coperto. In tutto, secondo le previsioni degli uffici tecnici comunali, tra finanziamento, progettazione esecutiva, gara d’appalto, esecuzione dei lavori e collaudo, perché l’opera veda la luce ci vorranno due anni e tre mesi.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 30 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore