Quantcast

Dairago, nuova vita per uno storico murales del 1989

La contrada Madona in Campagna di Dairago ha approfittato dello stop forzato per restaurare e "riportare a casa" uno storico murales del 1989

restauro murales dairago

L’emergenza sanitaria ha spento i motori del Palio di Dairago, spingendo gli organizzatori ad optare per il rinvio al prossimo anno, ma non ha fermato l’entusiasmo delle contrade. E proprio questo entusiasmo nelle scorse settimane ha regalato al paese il ritorno di un «pezzo di storia»: la contrada di Madona in campagna, infatti, ha approfitato delle settimane di stop forzato per “riportare a casa” una versione restaurata di uno storico murales del 1989.

Il murales è stato realizzato da Luciano Bonza, già autore del dipinto originale, e ritrae una coppia di anziani che guarda verso Dairago, riconoscibile dai campanili della chiesa parrocchiale San Genesio e del santuario della Madonna in campagna, sfiorata da alcune colombe in volo. «Lo sguardo dei nostri antenati, rivolto lontano, ai ricordi, è lo sguardo verso il passato, verso le nostre tradizioni, che occorre riscoprire e ricordare per ritrovare noi stessi e per costruire la realtà presente – ha spiegato lo stesso autore alla contrada, chiarendo il significato della sua opera -. Il presente è rappresentata dalle colombe, fatto di sogni e di speranze in un futuro migliore, che non può esistere se ignoriamo i valori del passato».

restauro murales dairago

Lo storico murales, dopo il restauro, è ritornato laddove tutto Dairago era abituato a vederlo: grazie alla collaborazione tra la contrada, la farmacia Perino e la lattoneria Malanchini è stato infatti possibile riposizionarlo sul retro della farmacia, rendendolo visibile dalla via Damiano Chiesa per chi arriva da Busto Arsizio.

«Speriamo che il ritorno del murales in più vivi e vibranti colori possa essere un augurio per tutte le nostre comunità, per tornare alla vita a cui eravamo abituati prima del lungo periodo di lockdown – è l’augurio della contrada Madona in Campagna -. È stato un periodo che ha visto molte famiglie in difficoltà, ma anche la nascita di iniziative e forme di solidarietà che spesso contraddistinguono le nostre piccole realtà. Il Palio è, intanto rimandato, al 2021, con l’augurio che la manifestazione possa sancire il ritorno alla normalità».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 19 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore