Quantcast

Strage di pesci nell’Olona “a causa di un cantiere ad Induno Olona”… forse

Il mistero svelato dall'amministratore unico di Olona spa, ma la ricostruzione non convince del tutto l'avv. Brumana leader degli Amici dell'Olona

Pesci morti nell\'Olona

La moria dei pesci che ha creato tanta preoccupazione e disagio a Legnano, una decina di giorni fa,  sarebbe avvenuta «a causa di un cantiere in Comune di Induno Olona, e sia l’intervento dei VVF nella serata del 2 luglio u.s., ed il successivo intervento dei Carabinieri Forestali di Arcisate non hanno fornito evidenze rilevanti. Le elevate temperature del periodo e le condizioni di magra del fiume possono favorire eventuali fenomeni di anossia anche a seguito degli eventi temporaleschi del 2 e 3 luglio»

Galleria fotografica

Strage di pesci nell'Olona 4 di 9

Strage di pesci nell’Olona a Legnano

Il “mistero” è stato svelato oggi, domenica 12 luglio, dal dr. Antonio Marco Belvisi, amministratore unico di Olona spa società proprietaria dei depuratori del fiume, che rigetta quindi ogni responsabilità attribuita agli impianti che si trovano lungo il corso d’acqua.

L’attenzione prestata dal dr. Belvisi, che ha inviato una lettera dettagliata agli Amici dell’Olona, è stata gradita dall’avv. Franco Brumana, leader del gruppo ambientalista, che da un lato esprime comunque perplessità sulla ricostruzione fatta, ma dall’altro apprezza l’operato del manager «del tutto differente da quello dei suoi predecessori . I depuratori continuano ad inquinare l’Olona perché occorre tempo per riadattarli e Belvisi insieme ai vertici di Alfa, a cominciare da Mazzucchelli, si stanno dando da fare seriamente in questa direzione recependo le nostre richieste- commenta Brumana- . Le difficoltà sono molteplici ma registriamo continui passi avanti . Ora attendiamo che si perfezioni la indispensabile fusione tra Alfa che eseguirà le opere e la società di Belvisi e che partano i lavori al depuratore di Varese Pravaccio».

Fiducia in Belvisi, riposta da Brumana, anche perchè l’amministratore di Olona spa conferma che «resta comunque la mia massima attenzione con l’aggiornamento della qualità degli scarichi degli impianti, e con tempestiva comunicazione ad ARPA. Prosegue poi l’incarico al Politecnico di Milano Dipartimento d Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta” che sta effettuando le indagini olfattometriche nel territorio di Castellanza, Marnate e Olgiate Olona e vi terrò aggiornati non appena avrò i risultati».

Lo stesso Belvisi sempre oggi sui social, dove la causa della strage dei pesci continua a destare commenti preoccupanti, ha poi giustificato le sue affermazioni avendo solo riportato «quanto scritto da ARPA , e in tutta sincerità anche a me non convince – afferma lo stesso amministratore –. Posso rassicurarvi che i controlli fatti sui depuratori non hanno evidenziato anomalie. La vigilanza continua sempre e ho chiesto report settimanali». Come dire, il mistero continua…

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Luglio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Strage di pesci nell'Olona 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore