NIdiL Cgil: «Centinaia di lavoratori rischiano di essere disoccupati»

Sono cittadini dell'Alto Milanese con contratto a termine che non hanno possibilità di accedere agli ammortizzatori perché i loro contratti in scadenza non vengono prorogati. 

Centinaia i lavoratori dell’Alto Milanese che rischiano di passare dalla precarietà alla disoccupazione. Sono cittadini con contratto a termine che non hanno possibilità di accedere agli ammortizzatori perché i loro contratti in scadenza non vengono prorogati. A segnalare la criticità è Juri Sbrana, Segretario generale NIdiL Cgil Ticino Olona.

«A fianco di tanti lavoratori – racconta Sbrana – che in questo difficile periodo riescono ad accedere alla cassa integrazione, laddove le aziende decidono, giustamente per tutelare la salute dei lavoratori, di cessare l’attività per fronteggiare l’emergenza Covid19, ci sono anche tantissimi lavoratori a termine che non hanno possibilità di accesso agli ammortizzatori sociali, perché i loro contratti in scadenza non vengono prorogati. Per alcuni di loro c’è la possibilità di accedere all’indennità di disoccupazione Naspi, per altri non c’è al momento nessun sostegno».

I lavoratori della somministrazione, sottolinea Sbrana, rischiano di essere i più colpiti durante questa crisi provocata dall’emergenza sanitaria. «Nel nostro territorio sono state sottoscritte con le agenzie più di centocinquanta TIS, la cassa integrazione per i lavoratori in somministrazione, coprendo una platea di oltre mille lavoratori – precisa con forza Sbrana -. Purtroppo nonostante la possibilità per la somministrazione di attivare questo ammortizzatore sociale i lavoratori a termine che non vengono prorogati non possono usufruire di questo sostegno. Inoltre una volta superata la crisi non potranno tornare a lavoro nell’azienda utilizzatrice senza l’inserimento di una causale come previsto dal Decreto Dignità, su questo aspetto abbiamo chiesto al Governo a livello nazionale un intervento ma ancora non abbiamo ricevuto rassicurazioni».

Perciò, il sindacalista chiede alle aziende del territorio di prorogare i contratti a termine, «consentendo anche a lavoratori precari di usufruire degli ammortizzatori sociali. Con un’importante azienda del territorio abbiamo sottoscritto un accordo che tutela i lavoratori a tempo determinato con la proroga dei contratti durante l’emergenza ma la situazione generale vede centinaia di lavoratori che passano dalla precarietà alla disoccupazione».

L’obiettivo è quello di tutelare anche i lavoratori che si trovano nelle posizioni più svantaggiate: «Dobbiamo insistere – Conclude Sbrana – affinché questa emergenza non penalizzi ancora di più chi si trova già nelle posizioni più fragili: la crisi va affrontata insieme, garantendo a tutti la continuità occupazionale, per ripartire uniti e compatti una volta che l’emergenza sarà finita. Non possiamo permettere che i lavoratori più fragili si sentano abbandonati».

di gea.somazzi@gmail.com
Pubblicato il 05 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore