Quantcast

Accordo con l’ONU, nasce alla Liuc un polo per la finanza sostenibile al servizio delle smart city

L'ateneo di Castellanza si unisce a una rete di centri europei e nordamericani per supportare progetti di sviluppo delle città con modelli di finanza sostenibile per le infrastrutture

L’Unece, sigla che sta per  United Nations Economic Commission for Europe, e Liuc -Università Cattaneo hanno sottoscritto un accordo per dar vita a un Centro di eccellenza sulla finanza sostenibile per le infrastrutture e le smart cities. Sullo sfondo della pandemia Covid-19, Unece unisce le proprie forze a quelle di un’istituzione esperta nel settore allo scopo di supportare i governi nazionali e locali per una ricostruzione sostenibile durante la fase di ripresa economica e per velocizzare il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), in particolare l’obiettivo 11 relativo alle città sostenibili e agli insediamenti umani.

La Liuc di Castellanza si unisce dunque a una rete di centri europei e nordamericani che perseguono gli scopi stabiliti dallo statuto delle Nazioni Unite attraverso reciproci scambi di esperienze, condivisione di conoscenza, formazione e ricerca, studi, incremento della consapevolezza sociale e progetti concreti per migliorare la qualità della vita nelle città.

Avvalendosi dell’esperienza specialistica disponibile presso le istituzioni ospitanti, i centri lavorano a livello nazionale o internazionale sui temi previsti dallo statuto. «Tramite questo centro di eccellenza puntiamo a rendere più semplice per le città di tutta l’area di interesse Unece la valutazione di opportunità di finanza sostenibile. Tale contributo le aiuterà a concretizzare i propri progetti infrastrutturali e di smart city, perseguendo gli obiettivi dell’OSS 11», ha commentato Olga Algayerova, segretario esecutivo dell’Unece .

LIUC E ONU

Il rettore della Liuc – Università Cattaneo Federico Visconti si è dichiarato «estremamente soddisfatto di questa partnership che permette all’Università di sviluppare know-how con le Nazioni Unite con un chiaro mandato sui centri urbani».

Il Centro sulla finanza sostenibile per le infrastrutture e le smart cities presso la Liuc – Università Cattaneo ha già pianificato una serie di attività per il 2021, incluso un portale tematico sulla finanza sostenibile per le infrastrutture e le smart cities, una conferenza internazionale online dedicata alla finanza sostenibile e alle modalità con cui potrà supportare e incentivare lo sviluppo delle smart cities dopo la pandemia.

Il segretariato del Comitato Unece sullo Sviluppo urbano, l’edilizia e la gestione del territorio coordina il network dei centri. Con il titolo «Smart cities sostenibili e finanziamento innovativo», lavora per migliorare le capacità dei funzionari governativi locali e nazionali nei Paesi di interesse Unece al fine di avviare e sviluppare politiche urbane sostenibili.

L’approccio accompagna la città lungo l’intero ciclo, a partire dalla valutazione di città sostenibile e smart, attraverso le raccomandazioni su come proseguire nel percorso, fino al supporto di finanziamenti e investimenti innovativi per progetti urbani concreti.

Il nuovo centro svolgerà un ruolo sinergico e complementare a queste attività. Giampiero Bambagioni, membro del Comitato Unece per lo sviluppo urbano, l’edilizia e la gestione del territorio, ha espresso la propria soddisfazione per la firma dell’accordo «che permette a un’istituzione italiana con specifico expertise di contribuire alla promozione a livello nazionale di politiche innovative definite nell’ambito delle Nazioni Unite, nonché di supportare progetti di sviluppo sostenibile delle città mediante modelli di finanza sostenibile per le infrastrutture e le smart cities replicabili a livello internazionale».

Il commento di Anna Gervasoni, professore ordinario di corporate finance alla Liuc e membro del comitato scientifico della nascente struttura. «Il Centro nasce nell’anno in cui l’Italia presiede il G20 e si pone come piattaforma di indirizzo sulla finanza sostenibile; lavorerà in sinergia con gli altri centri di ricerca della Liuc».

CHE COSA È L’UNECE

Unece-United Nations Economic Commission for Europe. Unità per l’edilizia e la gestione del territorio è una delle 5 commissioni regionali delle Nazioni Unite. Il suo obiettivo principale è promuovere l’integrazione economica pan Europea e lo sviluppo sostenibile. Per raggiungere questo obiettivo riunisce 56 paesi in Europa, Asia Centrale, Caucaso e Nord America.

In particolare, l’Unità per l’edilizia e la gestione del territorio supporta il comitato Unece sullo sviluppo urbano, l’edilizia e la gestione del territorio e lavora per promuovere: un’edilizia efficiente a livello energico e adeguata anche per bisogni particolari e fasce di popolazione fragile; città inclusive, intelligenti, sostenibili; un uso corretto e trasparente del territorio e l’aggiornamento del catasto.

Ulteriori informazioni disponibili a: http://www.unece.org/housing.html 

di redazione_varesenews@varesenews.it
Pubblicato il 04 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore