Quantcast

Ponte di via Manzoni a Lainate: “Vogliamo tempi certi”

Il Sindaco: “Non siamo più disposti a vedere costantemente disattese le priorità della città”

comune di lainate di sera

«Basta silenzi, pretendiamo risposte chiare e certezze una volta per sempre. Non prendiamo in giro i cittadini!» Non usa mezzi termini il Sindaco di Lainate Andrea Tagliaferro che torna a denunciare*, in questi giorni, mancate risposte e ritardi da parte di società Autostrade e dell’impresa appaltatrice Vitali nell’esecuzione dei lavori autostradali, con specifico riferimento alla data di consegna del cavalcavia Manzoni.

«Siamo passati dall’entusiasmo dello scorso 25 luglio per la posa dell’impalcato del nuovo cavalcavia – dice il Sindaco – all’ottimismo del mese di agosto nel quale abbiamo potuto osservare un grande fermento nella prosecuzione dei lavori, alla preoccupazione di inizio settembre, periodo nel quale non stiamo constatando un avanzamento quotidiano delle opere sul cavalcavia. A questo aggiungiamo che ad oggi, pur davanti a molteplici solleciti, non abbiamo ancora avuto comunicazione alcuna circa il cronoprogramma complessivo delle opere di ampliamento alla quinta corsia e delle opere sul territorio, tra cui il sottopasso di corso Europa la cui consegna delle aree a società Autostrade è avvenuta lo scorso 16 luglio».

E incalza: «La città non ne può più di muoversi in questo alone di incertezza, senza alcuna garanzia sulle date di consegna delle opere. Come ribadito sin dall’inizio del cantiere a metà 2019 il cavalcavia Manzoni rappresenta uno dei tre punti di attraversamento viabilistico della città che, come noto a tutti, è tagliata esattamente a metà dal tracciato autostradale. Pretendiamo da Autostrade e dall’impresa Vitali la comunicazione di date definitive che troppe volte in passato abbiamo visto essere posticipate senza minimamente tener conto delle esigenze dei cittadini. Abbiamo dimostrato in questo anno una grande capacità di adattamento, resilienza e sopportazione dei disagi provocati dai cantieri: ora non siamo più disposti a vedere costantemente disattese le priorità della città a vantaggio di logiche di esecuzione dei lavori che, sinceramente, non comprendiamo».

Si chiede la conferma della data di consegna del cavalcavia Manzoni per la seconda metà di Ottobre, così come annunciato sulla stampa dalla stessa società Autostrade lo scorso mese di agosto. Si chiede inoltre di avere visibilità completa sul cronoprogramma delle opere che interessano importanti porzioni del nostro territorio. «Ho coinvolto Regione Lombardia per approfondire e risolvere i motivi di questi ritardi – chiosa il primo cittadino – Se ciò non sarà sufficiente mi rivolgerò al Ministero e coinvolgerò il Prefetto così come avvenuto lo scorso mese di febbraio. Valuterò insieme al Consiglio Comunale ogni possibile mobilitazione per sbloccare questa situazione».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore